Quantcast

La fotonotizia di Lucca in Diretta

Il viaggio in joelette di Matteo Gamerro per raccontare l’accessibilità fa tappa in Valle

Sarà accompagnato dai suoi compagni di strada e supportato dall’Ambito Turistico Garfagnana Valle del Serchio e le associazioni del territorio

Matteo Gamerro ha un sogno. Percorrere quella che da secoli viene chiamata la “Linea Sacra Micaelica”, uno dei tanti cammini che seguivano anticamente i pellegrini e che, grazie a storici e appassionati, adesso è stato da poco riportato alla luce. Matteo è il primo pellegrino a percorrere questo cammino “ritrovato”. Ed è un pellegrino davvero speciale. Nello zaino di Matteo, infatti, trova posto insieme alla sua determinazione e tanto coraggio, anche la sclerosi multipla, la malattia che gli sta progressivamente devastando il corpo, ma che non è riuscita a sconfiggere il suo spirito.

Matteo, però, non sarà da solo ad affrontare questo viaggio lungo e affascinante. Circondato da amici e parenti che spingeranno la sua joelette – una carrozzina speciale adatta alle strade sterrate – piano piano percorrerà praticamente tutta Italia. Infatti, per evidenti ragioni, il viaggio di Matteo è stato diviso a tappe. Matteo è arrivato a metà del suo itinerario, cominciato a febbraio scorso e che lo ha visto attraversare con la sua joelette il Piemonte, passando per il Monferrato, e gli Appennini, che adesso lo vedrà passare in Valle del Serchio per poi giungere a Roma e in Vaticano a metà ottobre.

I sindaci dell’Ambito Garfagnana Valle del Serchio hanno accolto con piacere il progetto presentato da Sandro Vannucci – noto giornalista Rai, già conduttore della trasmissione Linea Verde, di coinvolgere il territorio e collaborare all’iniziativa che vede protagonista il passaggio di Matteo lungo la via del Volto Santo attraversando tutta la nostra Valle. Si tratta dunque di un progetto di cammino più ampio che sfrutta e connette percorsi storici già esistenti.

Le tappe in Garfagnana Valle del Serchio si svolgeranno dal 24 settembre (con arrivo a San Romano in Garfagnana) al 28 settembre (con partenza da Borgo a Mozzano) e prevedono una serie di appuntamenti ed eventi pubblici dedicati a questo particolare progetto.

Il presidente dell’Unione Comuni Garfagnana Andrea Tagliasacchi e il presidente dell’unione Comuni Media Valle del Serchio Marco Remaschi esprimono inoltre grande soddisfazione per la reazione entusiasmata e l’immediato coinvolgimento della rete territoriale di associazioni di protezione civile, volontariato, assistenza disabili e animazione sociale dell’intero territorio che hanno risposto positivamente mettendosi a disposizione dell’organizzazione delle tappe, dei ristori, delle più svariate forme di accoglienza, della verifica dei sentieri e soprattutto del supporto fisico per accompagnare Matteo lungo il percorso.

La mobilitazione del territorio è infatti parte importante di questo progetto sia per sensibilizzare sul tema della disabilità che sul fondamentale tema dei cammini e del “turismo lento”.

“Percorrere il cammino con un pellegrino così speciale, inoltre, è un’occasione per segnalare ai territori che la presenza di un percorso da fare a piedi, in bici o a cavallo è una importante risorsa per le comunità locali che vengono così valorizzate in quello che viene ormai definito lo ‘slow tourism’ – afferma Sandro Vannucci del progetto del comitato promotore San Michele Cammino di Cammini -. Il ‘turismo lento’ è un nuovo modo di viaggiare che sta prendendo sempre più piede. I ‘turisti lenti’ si muovono in modo sostenibile, camminando o andando in bici, per scoprire i luoghi nascosti, conoscere i loro prodotti locali, le loro bellezze, la loro storia, come pure le persone che vi abitano, nel pieno rispetto dell’ambiente. Da questo punto di vista il sogno di Matteo è una metafora attualissima. Una metafora che profuma di amicizia, di speranza e di coraggio. Una metafora che può ottenere l’adesione morale di tutti noi – invitati a salutare questo passaggio lungo il nostro territorio – di un mondo intero posto in ginocchio dalla malattia, dove la speranza di uno diventa quella di tutti. Se Matteo può farcela, allora possiamo farcela anche noi!”.

Per contattare l’ufficio di Ambito Turistico: dottoressa Martina Moriconi – responsabile dell’Ambito – ambitoturistico@ucgarfagnana.lu.it – telefono 0583 644911; dottoressa Claudia Meconi – referente area Media Valle del Serchio ambitoturistico@ucgarfagnana.lu.it – telefono 0583 88346.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.