Quantcast

Poste, tre giorni di presidio a Lucca contro privatizzazione

Lunedì (3 aprile), martedì e mercoledì si svolgerà il sit-in di protesta dei lavoratori postali della provincia di Lucca davanti alla sede della filiale. Dalle 9 alle 12 i sindacati di categoria Slc Cgil, Slp Cisl, Failp Cisal e Ugl Com, protesteranno contro i processi di privatizzazione annunciati dal governo e sensibilizzeranno la cittadinanza per le ricadute sui servizi pubblici che essa comporterà, insieme all’introduzione del recapito a giorni alterni e alla possibile chiusura degli uffici postali nelle aree più marginali del paese.

“Organizzeremo dei presidi contemporaneamente e per tre giorni in tutte le città capoluogo della nostra regione – affermano i segretari provinciali delle organizzazioni sindacali Michela Benedetti, Marco Tortelli, Marcello Biasci e Tiziano Genovali – vogliamo impedire la svendita della più grande azienda del nostro paese, che impoverirà ulteriormente il servizio pubblico offerto alla cittadinanza”.
“La totale privatizzazione di Poste Italiane, il portalettere che passerà dalle nostre abitazioni un giorno sì e uno no, la chiusura degli uffici postali nelle località più sperdute, la chiusura del Cmo di Firenze – proseguono i sindacalisti-  oltre a mettere a rischio migliaia di posti di lavoro e chiudere ogni prospettiva ai giovani che lo stanno cercando, aumenterà ulteriormente il degrado dei servizi offerti alla popolazione nelle aree più marginali. Questo i cittadini lo devono sapere e a loro ci rivolgiamo per chiedere solidarietà in questa nostra battaglia”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.