Fit Cisl, Stefano Boni confermato segretario regionale

Più informazioni su

Stefano Boni è stato confermato alla guida della Fit Cisl Toscana, la federazione che si occupa dei trasporti e dei servizi ambiente. Ad eleggerlo, con oltre il 95% dei consensi, è stato il Consiglio generale legittimato dall’11esimo congresso tenutosi a Tirrenia l’11 e 12 aprile scorsi. All’assise hanno partecipato il segretario generale Antonio Piras e i segretari nazionali Salvatore Pellecchia e Pasquale Paniccia della Fit Cisl nazionale, il segretario generale Riccardo Cerza e il segretario generale aggiunto Ciro Recce della Cisl Toscana.

Boni, 58 anni, sposato e con un figlio, è dipendente del gruppo Fs Trenitalia. E’ stato eletto la prima volta alla guida della Federazione Cisl al congresso del 2009 e poi confermato nel 2013 e oggi nuovamente scelto per continuare a guidare la Fit Toscana nei prossimi quattro anni.   Insieme a Boni, sono stati eletti Francesco Chiaravalli in qualità di segretario generale aggiunto, Franco Fratini, Fabiano Casini e, per la prima volta nella Fit Toscana una donna, Angela Settembrini, in qualità di segretari regionali. Tutti insieme sono chiamati ad affermare la politica e l’azione della Fit. “Siamo in una fase delicata per il Paese – rilancia Boni -, è necessario che il Governo riveda la politica neo liberista portata avanti in Italia, in quest’ultimi 15 anni, con la quale, prima attraverso la liberalizzazione e poi con la privatizzazione dei servizi e senza aver coinvolto i lavoratori, non è stato prodotto sviluppo, né nuovi posti di lavoro, né benessere per la società. Il risultato è stato quello di creare precarietà, insicurezza e preoccupazione in milioni di lavoratori e, solo mettendo in campo una nuova politica, riportando al centro la famiglia e l’individuo, agendo sul rilancio dei consumi attraverso anche la valorizzazione delle aziende Pubbliche ormai risanate anche con i sacrifici dei lavoratori, si recuperi credibilità e stabilità per i lavoratori interessati”.
La Fit Toscana è una federazione in salute che conta migliaia di iscritti registrando un trend di crescita, che rispetto al quadriennio è di circa il 5% complessivamente e dove la componente femminile si attesta intorno a circa il 13,5%. Inoltre la Fit Toscana, è fra le prime sei regioni in Italia a registrare il maggior numero di iscritti fra gli immigrati, tant’è vero che per la prima volta il congresso ha eletto nel CG, massimo organo della federazione, un componente peruviano, che lavora nel settore merci è logistica.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.