Tassa di soggiorno, accordo con Airbnb per la riscossione

Accordo tra Anci Toscana e Airbnb per la riscossione della tassa di soggiorno: a gestirla sarà direttamente Airbnb per tutte le prenotazioni effettuate sulla sua piattaforma. L’intesa è stata annunciata oggi (24 maggio) da Francesca Basanieri, responsabile turismo Anci Toscana e sindaco di Cortona, e Alessandro Tommasi, public policy manager di Airbnb Italia in occasione di un incontro a Torre del Lago. E’ il primo accordo del genere in Italia, si spiega dall’Anci che aggiunge: “Grazie all’intesa i Comuni che aderiranno potranno beneficiare in maniera semplice e digitale della riscossione e il versamento dell’imposta”.

Nel 2017, questi i dati diffusi, sono stati oltre 1.300.000 gli ospiti che hanno soggiornato in Toscana attraverso la piattaforma, per una permanenza media di 3,6 notti. Sempre in Toscana, “nel 2016 i Comuni che avevano introdotto la tassa di soggiorno erano 96, per un gettito di circa 54 milioni di euro; oggi superano abbondantemente i 100 (su 274). Una mole di amministrazioni e altrettanti regolamenti comunali diversi, che rende macchinoso il completamento in tempi brevi di accordi particolari. Anci Toscana, prima in italia, insieme ad Airbnb, intende favorire la progressiva semplificazione dei processi, consentendo anche ai Comuni più piccoli ma turisticamente rilevanti di attivare velocemente uno strumento tecnologico ad oggi disponibile solo nei grandi centri”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.