Impresa Italia compie un anno e festeggia con oltre 100mila ‘cassetti digitali’ aperti dagli imprenditori italiani

Festeggia il suo primo anno di vita impresa.italia.it, il cassetto digitale dell’imprenditore, un servizio – realizzato da InfoCamere per conto del sistema camerale – grazie al quale ognuno dei circa 10 milioni di imprenditori e amministratori di imprese del nostro paese ha la possibilità di accedere gratuitamente, anche da smartphone o tablet, alle informazioni ufficiali sulla propria azienda depositate nel Registro delle imprese, in modo facile, sicuro e veloce.
Un anniversario festeggiato insieme ai 100mila imprenditori italiani che ad oggi hanno già aperto il cassetto digitale della propria azienda dalla piattaforma impresa.italia.it.

I documenti accessibili vanno dalla certificazione d’impresa (la visura camerale, già tradotta anche in inglese) alle informazioni su certificazioni biologiche e rating di legalità; dallo statuto al bilancio, fino alle pratiche inviate allo Sportello Unico delle attività produttive (Suap) del Comune in cui ha sede l’impresa. E prossimamente – per chi utilizza il sistema gratuito delle Camere di commercio fatturaelettronica.infocamere.it – anche le fatture elettroniche che ha emesso.
“Per competere oggi una impresa deve affrontare un cambiamento di strumenti, servizi e soprattutto processi che le permettano di affacciarsi sul mercato con velocità, semplicità e trasparenza – sostiene Giorgio Bartoli, presidente della Camera di commercio di Lucca – Il servizio impresa.italia.it è stato lanciato dalle Camere di commercio per offrire alle imprese uno strumento efficace a costo zero per competere nell’era del digitale sia in Italia sia sui mercati globali. Questa opportunità è già stata colta da oltre 100mila imprenditori italiani. Le Camere di commercio sono impegnate quotidianamente in un lavoro capillare di alfabetizzazione digitale sui territori per allargare questa platea e favorire le condizioni per lo sviluppo anche attraveso gli portelli Pid – Punto impresa digitale. Oggi se l’impresa non è digitale semplicemente ‘non è’ impresa e rischia di rimanere fuori dal circuito della creazione di valore e di lavoro”.
La piattaforma è stata pensata secondo il criterio “mobile first” e realizzata seguendo appieno le line guida dell’AgID per offrire un’esperienza semplice e sicura per ogni utente. Si configura come un vero e proprio ‘cassetto digitale’ in cui l’imprenditore ha sempre a portata di mano l’identikit digitale della propria impresa, da condividere in modo semplice e intuitivo con partner, clienti, fornitori, banche e professionisti. Ma anche per inviarli alla pubblica amministrazione per partecipare a gare o bandi (anche internazionali, visto che tra i documenti disponibili c’è la visura dell’impresa già tradotta in inglese).
Per accedere ad impresa.italia.it è sufficiente essere in possesso delle identità digitali che consentono di identificare il cittadino-imprenditore: lo Spid (il Sistema pubblico di identità digitale), o la Cns (la Carta nazionale dei servizi).

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.