Essity, dal 2012 dimezzati gli incidenti sul lavoro

Essity, azienda leader mondiale nei settori dell’igiene e della salute con i suoi brand Tena, Nuvenia, Tempo, Tork, Demak’Up, Libero, Leukoplast, Jobst e Actimove, ha aderito alla quinta edizione della Settimana mondiale della sicurezza: dal 2 al 6 settembre i dipendenti degli stabilimenti toscani di Altopascio, Porcari e Collodi sono stati coinvolti in diverse attività di formazione su temi legati alla sicurezza.

L’iniziativa, nata nel 2015 e organizzata a livello globale in tutti gli stabilimenti Essity del mondo, si propone di sensibilizzare i dipendenti sull’importanza di operare in totale sicurezza, prevenendo comportamenti a rischio e incrementando la consapevolezza delle abitudini virtuose. Una priorità per Essity che dal 2012 a oggi ha migliorato le performance sulla sicurezza dimezzando l’incidenza degli infortuni negli stabilimenti italiani.
L’edizione di quest’anno, il cui slogan è Segnala un pericolo oggi, impedisci un incidente domani! ha visto la partecipazione di ben 500 dipendenti degli stabilimenti toscani che hanno partecipato alle diverse attività di formazione come laboratori, sessioni formative e workshop dedicati a specifiche tematiche quali la prevenzione degli incidenti e le conoscenze sugli impianti antincendio.
“Per Essity la sicurezza è una tematica di estrema importanza. Dal 2012 ad oggi abbiamo dimezzato il numero degli infortuni nei nostri stabilimenti portandoli da 15 nel 2012 a 8 nel 2018 – ha affermato Ivan Ferrini, Operations Director di Essity Italia – Un risultato significativo ed estremamente incoraggiante, reso possibile dagli ingenti investimenti che abbiamo destinato per migliorare gli impianti e gli ambienti di lavoro, ma anche grazie alla quotidiana attività di sensibilizzazione dei nostri dipendenti”.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.