Uilcom: “Cartiera Pieretti, servono investimenti”

“Cartiera Pieretti, situazione drammatica”. La pensano così i sindacalisti di Uilcom Nord Toscana Paolo Venturi, Luca Del Greco e Massimiliano Bindocci, che stanno seguendo la vertenza della realtà produttiva (da non confondersi con le omonime Industrie Cartarie Pieretti, del tutto estranee alla vicenda). 
“L’azienda sembra al capolinea – dicono – c’è molta confusione, ci sono arretrati di stipendi e richieste diffcili. Di fatto oggi la società lavora conto terzi e per un solo cliente, ci lavorano ancora oltre venti persone più qualche esterno. È stato nominato il commissario, ma il futuro è ancora incerto. Si sta discutendo da settimane su una proposta che però non convince”. 

“Si tratta di un affitto di azienda – spiegano i sindacalisti – per proseguire la attività ed arrivare con la continuazione a superare la procedura. Per dare seguito a tale ipotesi ci sono però richieste difficilmente gestibili, come il licenziamento senza opposizione di altro personale e la necessità di ridurre i trattamenti sospendendo per anni anche la quattordicesima.  Per noi viene licenziato solo chi è d’accordo e l’attività prosegue mantenendo tutti gli stipendi. Notiamo poi su questa vicenda della cartiera Pieretti e sui suoi dipendenti una assenza della politica locale, ci si è limitati qualche volta alla solidarietà, che aiuta ma non risolve. Sarebbe servita una reale collaborazione nel favorire una soluzione intercettando forze imprenditoriali anche locali serie, che nella carta e nel cartone ci sono, e che usufruiscono di rapporti consolidati con il territorio”. 
“Non vediamo nemmeno il senso di fare adesso iniziative di mobilitazione e presidi – prosegue Uilcom –  quando invece il problema è quello di capire come se ne esce, al tavolo con gli attori della vicenda e non sui giornali e nelle piazze. Inoltre i tempi del tribunale sono strettissimi. Forse qualcuno che era unico sindacato presente vuole recuperare il tempo perduto, le iniziative di lotta e di coinvolgimento del territorio andavano fatte prima e noi purtroppo siamo stati contattati dai lavoratori solo recentemente. Dopo l’assemblea con il personale che si è rivolto alla Uilcom fatta ieri, abbiamo informato delle nostre proposte per gestire l’esubero dichiarato e per la prosecuzione dignitosa della attività”. 
“L’incontro è in programma mercoledì prossimo – conclude la nota – Siamo pessimisti, la Uilcom cercherà fino all’ultimo di salvare il sito, occorre però che chi vuole gestire una cartiera, anche con un affitto, ci investa realmente”. 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.