Anche Unicoop in prima fila contro la violenza sulle donne

Un bollino sugli incarti per aiutare le donne in difficoltà ricordando il numero unico contro la violenza sulle donne 1522, lo stesso numero riportato sugli scontrini e parte del ricavato della vendita del pane di una giornata devoluto alle associazioni di volontariato.
È l’iniziativa di Unicoop Firenze per domani (25 novembre), Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, che coinvolge tutti i punti di vendita sul territorio. L’iniziativa va in continuità con quanto fatto negli scorsi anni. La novità, rispetto agli incarti delle confezioni di pane con il numero antiviolenza e stalking, attivo 24 ore su 24, 1522 e agli scontrini, è la donazione di parte del ricavato della vendita del pane della giornata del 25 novembre alle associazioni che in Toscana sostengono le donne vittime di violenza. L’iniziativa è organizzata in collaborazione con Regione Toscana, il Coordinamento toscano centri antiviolenza Tosca e la Federazione antiviolenza Ginestra. Quanto verrà raccolto, sarà donato alle associazioni accreditate dalla Regione Toscana e raccolte nell’elenco regionale dei centri antiviolenza e delle case rifugio operanti nel territorio regionale.

“Il pane che verrà venduto nei nostri supermercati domani – afferma Daniela Mori, presidente del consiglio di sorveglianza di Unicoop Firenze – Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza sulle donne, contribuirà ad aiutare le donne. In due modi: riportando sull’incarto il numero antiviolenza e stalking 1522 che in molte situazioni può rappresentare la via d’uscita dalla violenza e l’inizio di una nuova vita e sostenendo, attraverso la donazione di parte del ricavato delle vendite, i centri antiviolenza della Toscana. Cerchiamo così di facilitare percorsi di allontanamento dalla violenza che iniziano con una segnalazione ed una richiesta di aiuto e proseguono con l’accoglienza nei centri antiviolenza”
“Abbiamo accolto molto volentieri – prosegue Mori – la collaborazione con Unicoop Firenze, che ringrazio, in questa pregevole iniziativa che va a rafforzare il legame tra pubblico e privato nell’attenzione ad un tema così importante come il contrasto alla violenza sulle donne. Su questo fronte la Regione Toscana è impegnata da anni in un’azione di sistema a partire dalla prevenzione e dalla sensibilizzazione fino al sostegno della rete dei centri antiviolenza e delle case rifugio” dichiara Monica Barni, vicepresidente Regione Toscana, con delega all’attuazione della legge regionale 63/2004 Norme contro le discriminazioni determinate dall’orientamento sessuale o dall’identità di genere e alle pari opportunità e azioni positive”.
Il 1522 è il numero attivato da diversi anni dal Dipartimento per le pari opportunità della presidenza del Consiglio dei ministri che si può utilizzare per accedere alla rete delle diverse associazioni ed in caso di necessità. Il servizio è gratuito e accessibile da tutta Italia, disponibile 24 ore su 24. Rispondono operatrici ed operatori qualificati che parlano in italiano, inglese, francese, spagnolo e arabo, pronti ad ascoltare, dare informazioni utili e orientare la persona al centro di ascolto e di aiuto più vicino.
Ma l’intervento di Unicoop Firenze non si ferma al 25 novembre, data che ogni anno riporta l’attenzione sul tema della violenza sulle donne. Dal 2017, primo anno della campagna di crowdfunding Pensati con il cuore, la Fondazione Il Cuore si scioglie, insieme a soci e cittadini sul territorio, ha sostenuto diversi progetti legati al sostegno delle donne vittime di violenza.
Fra questi: il progetto Donna Sicura, ideato dal Gruppo Incontro di Pistoia, per sviluppare percorsi di autonomia per le ospiti della casa di seconda accoglienza, lo sportello antiviolenza Binario Donna, nato da un progetto del Centro aiuto Donna di Lilith e posizionato dentro la stazione ferroviaria di Castelfiorentino, il progetto Un fiore contro la violenza del Centro antiviolenza Artemisia, che ha offerto a 35 donne vittime di violenza percorsi e interventi focalizzati alla protezione e riduzione del danno.
In tutte le sezioni soci inoltre domani (25 novembre) vengono organizzati momenti di incontro e confronto sul tema dell’eliminazione della violenza sulle donne. L’elenco completo degli appuntamenti si trova al link https://www.coopfirenze.it/25-novembre-2019.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.