Bollette “pazze” per telefono e energia, arriva un freno

Federconsumatori Lucca: "Positive le novità introdotte dalla nuova legge di bilancio"

La legge di bilancio 2020, recentemente approvata dal Parlamento, prevede alcune importanti novità in materia di contratti di telefonia ed utenze domestiche. A farlo presente è la Federconsumatori di Lucca.

“In primo luogo – spiega il presidente Fabio Coppolella – , al fine di garantire una maggiore trasparenza e certezza di procedure nei rapporti tra gestori telefonici ed utenti, è stato previsto l’obbligo a carico dei gestori di trasmettere agli utenti, in modo formale ed esclusivamente tramite raccomandata con avviso di ricevimento, tutte le comunicazioni con cui si contestano eventuali mancati pagamenti di fatture avvertendo, con un preavviso non inferiore a quaranta giorni, che in caso di mancata regolarizzazione il gestore potrà attivare le procedure di sospensione della fornitura. Per la fatturazione di conguaglio è stato previsto, anche per i contratti dei servizi di telefonia ed internet, che il diritto del gestore alla riscossione delle somme si prescrive nel termine più breve di due anni”.

“Infine, per i contratti di fornitura di energia elettrica, gas e servizio idrico, nonché di telefonia e servizi internet è stato previsto che, nei casi di accertata illegittimità della condotta del gestore per violazioni relative alla modalità di rilevazione dei consumi – va avanti Coppolella -, di esecuzione dei conguagli o di addebiti di spese non giustificate, l’utente ha diritto, oltre al rimborso delle somme eventualmente versate, anche al pagamento di una penale pari al dieci per cento dell’ammontare contestato e non dovuto e, comunque, per un importo non inferiore a cento euro”.

“Anche se il testo della legge non sempre è formulato in modo chiaro, è comunque positivo – dichiara Fabio Coppolella – che il Parlamento abbia introdotto una disciplina di maggiore dettaglio rispetto alla problematica delle cosiddette bollette pazze. La Federconsumatori ha evidenziato alcune criticità interpretative delle nuove norme, auspicandone la risoluzione entro breve termine. Per maggiori informazioni, è possibile rivolgersi agli sportelli Federconsumatori della provincia di Lucca (Tel. 0583/44.151)”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.