Reshoring e innovazione tecnologica. Un’opportunità da cogliere anche per le PMI

Fino a qualche anno fa la competitività passava necessariamente attraverso l’abbattimento del costo di produzione. Sono state migliaia le aziende grandi e piccole che hanno delocalizzato produzione e servizi, cercando manodopera a basso costo in paesi come Cina, India, ma anche Europa dell’Est.

Un fenomeno che sta vivendo però ormai una stabile inversione di tendenza, con un rientro sempre più massiccio in Italia trainato dall’evoluzione tecnologica e che sta investendo non solo le grandi aziende ma anche le piccole.

Sono state migliaia le PMI che tra la fine degli anni Novanta e i primi anni Duemila hanno cercato di restare competitive sul mercato e di resistere all’onda d’urto della globalizzazione spostando produzioni e centri servizi all’estero. Oggi questo fenomeno si è fermato, stando agli ultimi dati Istat relativi al triennio 2015-2017 (indagine “International Sourcing 2019″).

Le ragioni sono molteplici, ma determinante per tutti è la difficoltà nel trasferimento del know-how e nel controllo della filiera di produzione. Elementi fondamentali per le aziende italiane, non solo le grandi, che fanno della qualità del prodotto un tratto distintivo.

Sempre secondo la ricerca Istat, i fattori decisivi per le aziende che scelgono di riportare l’intera struttura in Italia magari esternalizzando alcune funzioni, ma mantenendole comunque sul suolo nazionale, ci sono la riduzione della pressione fiscale (84,5%), le politiche specifiche per il mercato del lavoro (79%) e gli incentivi per l’innovazione (70,9%).

Proprio gli incentivi all’innovazione, insieme al sostegno per la ricerca di personale qualificato, sono stati indicati come priorità anche dalle PMI iscritte a Quantico Business Community, che ha dedicato un webinar a questo tema raccogliendo molto interesse.

“Le ultime tecnologie oggi rendono disponibili anche alle piccole imprese modalità di produzione e di erogazione di servizi impensabili solo fino a pochi anni fa – spiega nel video Gianluca Massini Rosati, imprenditore e fondatore di Quantico Business Community – Capire come cogliere queste opportunità sfruttando al massimo gli incentivi che già esistono è una delle chiavi di crescita e sviluppo per le imprese italiane e dovrebbe essere al centro dell’agenda di ogni imprenditore.”

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.