L’Italia regola il mercato dei casinò online

Più informazioni su

Solo nel 2017 l’Italia ha deciso di regolamentare in modo più rigoroso il gioco d’azzardo online. Molti siti di casinò sono stati completamente bloccati. Le misure previste erano così severe che il resto dell’Europa non poteva che mettere in discussione la procedura. Appena un anno dopo è arrivata la grande sorpresa: entro la fine di marzo 2018, 120 siti di gioco d’azzardo saranno ufficialmente autorizzati. Uno dei motivi di questo cambiamento di mentalità è che il bilancio nazionale italiano è attualmente tutt’altro che in buone condizioni.

Gli operatori del casinò hanno tempo fino al 19 marzo 2018 per richiedere una delle licenze. Devono essere soddisfatti requisiti rigorosi. Dopotutto, il gioco d’azzardo in Italia non deve essere solo divertente, ma anche sicuro. La sola vendita di licenze di casinò porterà fino a 24 milioni di euro per il paese – a condizione, naturalmente, che ci siano effettivamente 120 richiedenti che soddisfano gli elevati requisiti delle autorità italiane. Per garantire almeno la liquidità, si stima una tassa di 200 000 euro per ogni licenza. Questi costi dovrebbero scoraggiare le pecore nere del settore nel modo più efficace possibile.

L’Unione Europea è molto attenta alla questione di quali candidati si aggiudicano il contratto. C’è una probabilità relativamente alta che le 120 licenze saranno vendute non appena la procedura di richiesta sarà completata. Solo in Germania ci sono attualmente circa 100 fornitori di scommesse sportive – più innumerevoli aziende che gestiscono giochi di casinò. Alcune delle licenze proposte in Italia sono già saldamente pianificate. Infatti, diversi operatori locali hanno fatto domanda per offrire il gioco d’azzardo online in aggiunta ai loro casinò. Dopo aver detratto questi 40 operatori, che attualmente sperano in un rinnovo delle loro licenze, che scadranno presto, rimangono solo 80 licenze per casinò online e bookmaker, comprese quelle qui presentate. Il calcolo che l’Italia ha fatto qui sembra funzionare. Naturalmente, la speranza non è solo per il profitto della vendita delle licenze, ma anche e soprattutto per il gettito fiscale, che certamente aiuterà l’erario pubblico.

L’Austria tollera il gioco d’azzardo anche nel 2018

Per il mercato austriaco sarebbe auspicabile un livello di regolamentazione analogo. Il fatto che l’Italia abbia iniziato a ripensare il suo approccio solo pochi mesi fa fa fa sperare che nel prossimo futuro si verifichino alcuni cambiamenti. Attualmente, i casinò online e i bookmaker virtuali sono semplicemente tollerati in Austria. Tuttavia, i politici si sono finora rifiutati di elaborare una regolamentazione adeguata. La tolleranza è concessa solo perché un divieto totale dei fornitori online non sarebbe in linea con il diritto europeo. L’UE aveva già intrapreso un’azione legale contro la Germania. L’Austria evita l’inconveniente in quanto non vi è alcun divieto sui siti dei casinò. I giocatori possono stare nei casinò online senza timore di conseguenze legali.

I gestori di siti di gioco d’azzardo rispettabili pagano naturalmente le loro tasse. Questo, però, nel paese in cui risiedono. Se l’Austria, come l’Italia, optasse per una licenza ufficiale, il paese potrebbe beneficiare di un elevato gettito fiscale. I casinò online e i bookmaker generano un fatturato di diversi miliardi di euro all’anno. In questo modo è possibile calcolare approssimativamente quanto denaro manca allo Stato – denaro che l’Austria potrebbe certamente utilizzare.

Resta da vedere se la tolleranza del gioco d’azzardo online, che continuerà ad esistere nel 2018, diventerà a un certo punto un regolamento ufficiale. A volte l’Austria è uno dei tanti paesi dell’UE che non agiscono in conformità con la legge. In definitiva, la tolleranza non è una base giuridica per gli operatori. Questo ha recentemente portato Novomatic e Merkur a ritirarsi dal mercato online. Queste due aziende sono tra le più rinomate in Europa. La pressione era estremamente forte, quindi le aziende non hanno avuto altra scelta se non quella di lasciarsi letteralmente andare. La mancanza di regolamentazione assicura anche che i casinò e gli allibratori dubbiosi ricevano carta bianca – a scapito dei milioni di giocatori che preferiscono l’offerta online al casinò locale.

Nuova speranza per la Germania

In origine, l’adozione del secondo emendamento al trattato di Stato sul gioco d’azzardo in Germania era prevista per il luglio 2018. Tuttavia, questo alla fine è fallito. Come nel 2012, lo Schleswig-Holstein ha deciso di non firmare il nuovo trattato nel 2017. Senza ulteriori indugi, anche la Renania settentrionale-Vestfalia ha deciso di rifiutare di firmare. Ciò dimostra chiaramente che non ci saranno nuove norme – almeno non nella forma originariamente prevista. Anche diversi altri Stati hanno espresso chiari dubbi.

Nel frattempo è stato presentato un ricorso d’urgenza in Assia. Chiede ulteriori negoziati sul trattato di stato sul gioco d’azzardo. Il “consenso minimo” non era infatti mirato; gli annunci dell’Assia sono chiari. Nelle linee guida, si afferma che ci deve finalmente essere una regolamentazione dei giochi di poker così come dei casinò online. Anche se le licenze per le scommesse sportive esistono in Germania, sono chiaramente troppo limitate. L’Assia chiede l’abolizione del limite. Finora ha portato solo gli allibratori a intraprendere azioni legali in tutta la Germania. Inoltre, il limite di scommesse, attualmente pari a 1 000 EUR, deve essere sostituito da un limite di perdita. Questo nuovo regolamento proteggerebbe i giocatori molto meglio delle regole attuali.

In Germania, una più stretta collaborazione deve iniziare già nel 2018. L’Assia stessa ha in programma l’introduzione di un file di blocco. Avrebbe senso che tutti gli altri Stati vi aderissero. Questo garantirebbe la sicurezza dei giocatori nonostante la legalizzazione dei casinò online. Dovrebbe esserci una rinegoziazione, ma questo avverrà solo tra qualche anno. La richiesta di urgenza dell’Assia accelererà la procedura, in modo che gli operatori e i giocatori possano aspettarsi un cambiamento positivo nel campo del gioco d’azzardo quest’anno. L’Italia sta dando il buon esempio. Una forma di regolamentazione simile sarebbe possibile anche in quel paese. Allo stesso tempo, la legge sulle sedi di gioco deve essere rivista ancora una volta. Le ambiguità e i problemi sono simili a quelli del settore del gioco d’azzardo online.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.