Coldiretti: “In crisi anche il mondo della pesca”

L'associazione di categoria chiede un intervento straordinario al Governo

Piange anche il settore della pesca e dell’acquacoltura in Toscana per le limitazioni della movimentazione di persone e merci che stanno facendo diminuire le vendite e stanno azzerando le attività di ittiturismo e pescaturismo. A lanciare l’allarme è Coldiretti Toscana che registra un pericoloso ridimensionamento della domanda sui mercati interni ed esteri, anche per la preoccupazione che possano essere messi in quarantena i componenti dell’equipaggio delle flotte.

“Il comparto dell’acquacoltura e della pesca in Toscana conta 1600 imprese e 25 milioni di fatturato, un patrimonio che concorre in maniera significata al valore complessivo dell’economia regionale che va salvaguardato in questo momento di crisi causata dal coronavirus. Per questo Coldiretti ha chiesto l’estensione alle imprese del settore delle misure di sostegno, di esenzione e di sospensione di tasse e contributi, attraverso sgravi fiscali e contributivi con il rinvio di pagamenti, compensazioni previdenziali delle giornate di lavoro perse, oltre alla concessione di mutui a tasso zero finalizzati all’estinzione dei debiti bancari, garantiti dallo Stato direttamente o attraverso l’Ismea e gli strumenti agevolati di accesso al credito per rilanciare l’attività di impresa attraverso nuova liquidità”, chiede Fabrizio Filippi, presidente di Coldiretti Toscana.

Le catture più importanti della flotta da pesca toscana riguardano pesce azzurro, in particolare sarde ed acciughe – ricorda Coldiretti Toscana – mentre tra gli altri pesci vengono catturati naselli, triglie, sugarelli, boghe e cefali. Oltre il 25% dell’offerta nazionale di sarde proviene dall’attività di pesca esercitata in Toscana. I quantitativi dell’itticoltura regionale incidono per il 5% sulla produzione nazionale, ma scendono sotto il 2% se si considera l’acquacoltura nel complesso. Date le caratteristiche di pregio delle specie allevate il valore delle produzioni incide in misura maggiore rispetto ai volumi prodotti, con percentuali del 7% sulla piscicoltura e di quasi il 4% sull’acquacoltura totale.

“I numeri parlano chiaro e considerata l’importanza del settore Coldiretti ha chiesto al Ministero delle politiche agricole anche misure straordinarie di sostegno all’occupazione tramite l’immediata estensione alla pesca della Cisoa o, in subordine, l’utilizzo della Cassa integrazione straordinaria in deroga e l’adozione di soluzioni di maggiore flessibilità nelle misure di gestione nazionali che, nel rispetto delle normative vigenti e in conformità con gli obiettivi della Pcp e del Ccnl, affidino la gestione di un plafond di giornate di pesca alla responsabile autodeterminazione aziendale”, spiega il direttore di Coldiretti Toscana, Angelo Corsetti.

Coldiretti Impresa Pesca ha chiesto, infine, l’attivazione di tutti i bandi Feamp a valere su risorse disponibili del Fondo ed esaurimento delle procedure in atto sui bandi svolti.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.