Stop allo stress con canapa CBD

Vita frenetica, traffico, gestire una famiglia e il lavoro contemporaneamente, lunghe ore in ufficio e, come se non bastasse, problemi a dormire ti stanno facendo diventare matto/a? Non preoccuparti, è normale. Molti studi hanno comprovato che lo stress per il lavoro e al poco tempo a disposizione per fare troppe cose possono portare spesso a stati ansiosi e perfino depressivi.

Più informazioni su

Un formidabile aiuto in queste situazioni, sebbene gli effetti benefici in questo campo non siano stati ancora definitivamente comprovati, è il CBD o cannabidiolo, uno dei cannbinoidi che si trova nelle infiorescenze della cannabis. Non ti resta che cercare la migliore canapa sativa online e testare i benefici che può apportare per il tuo relax e per ridurre la tua ansia da stress in maniera naturale e salutare.

Cosa è il CBD?

Come anticipato, il CBD o cannabidiolo è una delle sostanze maggiormente presenti nelle cime di marijuana, seconda solo al THC o tetraidrocannabinolo. Al contrario di quest’ultimo il CBD è un elemento chimico che non crea dipendenza quando assunto e non comporta alterazioni dello stato mentale della persona che ne fa utilizzo.

Quel che recentemente è stato scoperto, anzi, è che il CBD potrebbe essere efficacemente usato come principio attivo di farmaci, adatti al trattamento di una molteplicità di stati patologici. Non solo: in molti paesi è per l’appunto utilizzato come rimedio per attacchi di panico, ansia di qualsiasi tipo e per l’insonnia. Per non parlare dei pazienti che ne hanno tratto un beneficio consistente per combattere dolori cronici, come quelli della sclerosi multipla, e per contrastare l’insorgenza e il perdurare di alcune gravi patologie psichiatriche come la schizofrenia e la depressione.

I maggiori risultati, quasi sorprendenti, sono stati però riscontrati nella cura dell’epilessia, diminuendo notevolmente e quasi azzerando gli episodi epilettici di un gran numero di persone, tra cui bambini. Per questo motivo, oltre ad altre sue importanti proprietà, è stato legalizzato in molti paesi, dapprima la Germania, poi molti stati degli USA e, a seguire, anche altri paesi europei.

Per un momento di relax

Situazioni di stress e di agitazione quotidiana, dovuta allo stile di vita frenetico che la nostra società spesso ci impone non sono senza effetto per il nostro organismo e per la nostra salute mentale. In particolare, non è infrequente che possano insorgere ansia e attacchi di panico. Sebbene molti associno questi fenomeni a situazione di passeggera e normale agitazione, in realtà conclamati stati ansiosi possono bloccare e ostacolare notevolmente la vita di chi ne soffre.

L’ansia non deriva solo da queste situazioni. Ci sono altri trigger che sono molto più riconoscibili, come nel caso dell’ansia da stress post-traumatica e quella sociale. La prima si ha quando determinate situazioni, persone o luoghi riportano ad un episodio traumatico, come succede ai soldati tornati dalla guerra o a chi ha subito violenze; la seconda è una forma di timidezza patologica, per cui si ha difficoltà a stare con gli altri.

In tutti questi casi, il CBD può apportare un momento, un periodo di pausa da queste situazioni ansiose e dolorose, trasformandole in attimi di relax. Il cannabidiolo va ad agire su quei recettori che diminuiscono le sensazioni spiacevoli, allo stesso tempo favorendo il riassamento non solo della mente ma anche per il resto dell’organismo.

La sensazione di calma invade tutto il corpo, lo ricostituisce con nuova forza posiva, cosicché sia più facile superare le crisi che possono verificarsi. Questa meravigliosa azione benefica risulta ancora più eccezionale quando si pensa che il CBD non ha sostanziali effetti collerateli, al contratrio di molti ansiolitici. I soli effetti negativi riscontrati erano legati all’assunzione di altri farmaci e quindi ad intolleranza a certi principi attivi e comunque non erano gravi, consistendo sostanzialmente di nausea, vertigini, vomito, fauci secche, sonnolenza e stordimento.

Le natura in nostro soccorso

Talvolta si fa ricorso a farmaci che possono darci assuefazione o che possono, a lungo andare, danneggiare il nsostro organismo, quando la natura ci fornisce dei rimedi altrettanto o ancor più efficaci, che sono perfettamente tollerati dall’uomo.

Gli antichi erano esperti in questo ambito e forse dovremmo imparare da loro. Oltre ai tradizionali utilizzi della canapa, come bonificare acqua e suolo nonché come fibra per i tessuti, migliaia di anni fa, in Oriente si erano scoperte anche le proprietà curative di questa pianta. A quei tempi, infatti, la proporzione di THC e CBD nel fiore non era così spoporzionata in favore del THC come oggigiorno e ciò permise uno studio accurato delle proprietà benefiche del CBD.

Anche allora, gli effetti erano così evidenti e apprezzati che gli esploratori del mondo orientale importarono questo sapere e la pratica di utilizzare il CBD per molte malattie e per rilassarsi si espanse in tutto il globo. Oggi, il CBD è stato legalizzato praticamente ovunque (in Italia sono ammesse infiorescenze ad alto contenuto di CBD purché abbiano una percentuale di THC inferiore a 0,6% acquistabile su JustBob.it e olio CBD per fini alimentari con livello di THC inferiore a 0,5%) e si può finalmente godere di un rimedio naturale e salubre, che non dà dipendenza né effetti indesiderati. Solo un momento di piacevole relax, senza dover pensare alle conseguenze.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.