Quantcast

Le rubriche di Lucca in Diretta - in Regione

Unicredit dona 50 mila euro all’Università di Bologna

I fondi andranno a finanziare il laboratorio di test per la sicurezza delle mascherine

50 mila euro all’Università di Bologna per potenziare il laboratorio allestito dall’ateneo per effettuare i test di sicurezza sulle mascherine. E’ questo il contributo della banca Unicredit per accelerare il processo di controllo dei dispositivi di protezione individuale. Per poter essere utilizzate in sicurezza dagli operatori sanitari, le mascherine devono infatti rispettare alcuni standard di qualità che ne garantiscano la capacità di filtrazione batterica e le caratteristiche di respirabilità. Per questo un gruppo multidisciplinare di ricercatori guidato da Francesco Saverio Violante e da Cristiana Boi dell’Università di Bologna, lo scorso 23 marzo ha avviato un laboratorio dedicato, in grado di realizzare complessi test di sicurezza sulle mascherine.

Oltre 250 i prototipi esaminati ad oggi, parte dei quali approvati e già mandati in produzione. Campioni giunti ai laboratori dell’ateneo bolognese da aziende italiane, ma anche da altre nazioni, come Spagna e Inghilterra. “Questo è stato possibile grazie al lavoro svolto dal team dell’Università di Bologna e grazie al supporto di chi, come Unicredit – sottolinea il professor Violante – ha donato risorse preziose che hanno permesso di potenziare questa attività, acquistando i macchinari necessari per velocizzare ed aumentare la quantità dei dispositivi testati”.

“In questa fase così complessa per il Paese – ha commentato Andrea Burchi, regional manager centro nord Unicredit – il nostro Gruppo sente più che mai la responsabilità di essere vicino alle comunità, ai territori e alle economie nelle quali opera. Riteniamo che il nostro contributo all’Università di Bologna possa costituire un aiuto concreto nel contrasto alla diffusione del covid19“.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.