Anva Toscana ai Comuni: “Siano riaperte le fiere in sicurezza”

Il presidente Pierotti: "Migliaia di operatori fermi e senza lavoro"

“Così come abbiamo fatto per i mercati settimanali e quelli alimentari collaborando con la Regione ed i Comuni per i protocolli che hanno permesso le riaperture, siamo pronti da subito ad impegnarsi per far riaprire le fiere che continuano ad essere annullate. In certi casi in maniera assurda visto che si svolgono nelle stesse aree occupate dai banchi dei mercati previsti dai piani del commercio su aree pubbliche”. Lo afferma Anva Toscana nord, pronta a dialogare con tutte le amministrazioni comunali, come spiega il suo presidente Leonetto Pierotti, affinchè possano ripartire le fiere e quindi riaprire le attività ancora ferme nonostante la fase 2 sia ormai a pieno regime.

“La situazione del comparto fieristico nelle nostre province continua a versare in una situazione drammatica – spiega Pierotti – Migliaia di operatori sono ancora fermi senza possibilità di lavorare, nonostante l’ultimo decreto del 17 maggio, unitamente alle linee guida approvate dalla conferenza Stato-Regioni e recepite dalla Toscana, abbia espressamente previsto la ripartenza anche delle fiere; fiere, che è bene ricordarlo, sono inserite nella legge regionale 62/18 insieme a tutte le altre attività su area pubblica come mercati e manifestazioni commerciali a carattere straordinario. Si ritiene, pertanto, che al pari dei mercati anche le fiere tornino a svolgersi in modo regolare, nel rispetto delle linee guida determinate dalla Regione al fine di garantire la ripresa dell’attività a centinaia di imprese del settore che esclusivamente attraverso le fiere esercitano il proprio lavoro”.

Il presidente Anva Toscana nord ritiene poi: “Intollerabili le scelte di alcune amministrazioni che annullano fiere in concessione, e nel contempo all’interno dello stesso Comune autorizzano manifestazioni commerciali su aree pubbliche promosse da consorzi privati. Ciò ovviamente arreca ulteriore danno agli operatori commerciali sua area pubblica titolari di concessione, oltre che una palese concorrenza sleale di tali iniziative”.

Da qui l’apertura ufficiale a tutte le amministrazioni per collaborare alla ripartenza del settore: “Ci siamo mossi richiedendo incontri urgenti con la Regione e con l’Anci, ma adesso ci rivolgiamo soprattutto ai Comuni della nostra area. Così come abbiamo fatto per i mercati settimanali, disegnando insieme posteggi e percorsi nel rispetto delle linee guida – conclude Leonetto Pierotti – lo possiamo fare anche per le fiere. Stabilendo e definendo le procedure affinché i tanti operatori fieristici vedano tutelato il loro diritto ad esercitare la propria attività come accade per gli altri settori senza ulteriori slittamenti che già stanno mettendo a repentaglio la vita di centinaia di imprese”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.