Mercato valutario: recenti fluttuazioni

Il mercato valutario è uno spazio fisico o virtuale per il cambio gratuito di valuta progettato per facilitare il commercio internazionale.

È anche noto come Forex (Foreing Exchange) ed è caratterizzato dalla capacità di assegnare un prezzo a ciascuna valuta di un paese in base al prezzo dell’offerta e della domanda dei partecipanti. In questo senso, a volte è meglio avere una lista dei migliori broker di Forex per conoscere con certezza gli indicatori su cui si desidera lavorare.

Oltre al cambio di cassa, nel mercato dei cambi è anche possibile negoziare con depositi registrati presso istituti finanziari o con documenti che rappresentano un determinato importo di denaro.

Tutto ciò facilita la commercializzazione e l’acquisto-vendita tra paesi diversi, che non devono necessariamente condividere la stessa valuta, ma il valore della valuta di un paese in riferimento alla valuta di un altro paese, va di pari passo con le fluttuazioni del mercato.

Previsioni economiche

Il mercato azionario, che già in condizioni normali di solito ha un ampio margine di volatilità, è stata una delle vittime più colpite da Covid-19 e ha riflesso livelli d’instabilità senza precedenti, grazie alle decisioni del governo che hanno fermato metà dell’economia mondiale a cercando di contrastare la pandemia e che ha anche erogato un’enorme quantità di risorse per le politiche di bilancio e di sostegno monetario.

È estremamente difficile e forse anche un po ‘arrogante progettare un quadro di previsione economica poiché ciò significherebbe tentare di prevedere l’evoluzione del virus. Tuttavia, in questo nuovo scenario interventista in cui il mondo sembra essere entrato, la previsione del mercato azionario si presenta come un compito molto meno complicato: l’inesorabile sostegno delle banche centrali riduce al minimo l’incertezza e ci costringe a intrecciarci analisi agli interventi.

Intervento statale

A differenza dell’atteggiamento nei confronti di altre crisi di questo stesso secolo, come quello del 2008, quando in generale gli Stati hanno lasciato la riattivazione economica attraverso le politiche di acquisto delle attività a reddito fisso alle banche centrali, questa volta è stato Decido di aumentare esponenzialmente la spesa pubblica, in modo che alla fine dell’anno il disavanzo degli Stati Uniti rappresenterà il 20% del PIL, mentre in Europa rappresenterà il 10%.

Pertanto, l’importanza che il settore pubblico acquisisce per l’investitore è interessante, nonostante l’incertezza storica che ha generato, può essere molto utile scommettere su determinati progetti, ad esempio ambientali, che associandosi abilmente al settore privato, diventare alternative altamente redditizie.

Valuta il consumatore

L’alto tasso di contagio e diffusione che il Coronavirus ha acquisito, nonostante il confinamento in cui il mondo ha vissuto diverse volte, così come il fatto che la malattia è diventata endemica, rende impossibile mantenere a lungo le misure di quarantena più a lungo, anche comprendendo che esiste ancora un’ampia possibilità di contagio.

Pertanto, il reinserimento economico avviene in una fase in cui le politiche di sostegno finanziario e monetario sono all’ordine del giorno.

È logico pensare che uno degli elementi più importanti in questa riapertura economica sarà l’aumento dei consumi delle famiglie, che ora è stato compresso sia dal parto che dalla paura e dall’incertezza economiche.

Di conseguenza, il tasso di risparmio sembra mostrare una tendenza crescente, a causa del progressivo aumento dei risparmi preventivi in ​​considerazione del tasso di disoccupazione non plausibile. Non è meno una questione che nei soli Stati Uniti, la crisi ha rappresentato una perdita di oltre 40 milioni di posti di lavoro.

In Europa, lo scenario non è molto diverso. Le aziende sono in procinto di ridurre i costi e che l’aumento dell’insicurezza del lavoro che incoraggia un aumento dei risparmi preventivi a scapito delle spese discrezionali: si prevede che il tasso di risparmio nell’area dell’euro supererà il 12,8% di l’anno scorso al 19% quest’anno.

Valuta estera

Le ultime fluttuazioni del mercato dei cambi rivelano che dopo aver suscitato grande interesse tra gli investitori come metodo di pagamento e valuta di riserva, il dollaro ha interrotto il suo apprezzamento grazie all’intervento della Fed, e poi si è impadronito di una fluttuazione senza una tendenza particolarmente marcata.

Da parte sua, l’euro ha beneficiato dei progressi compiuti dai governi europei in merito all’attuazione di un piano coordinato di rilancio economico.

Per quanto riguarda le valute emergenti, per il momento preferiamo mantenere un rischio limitato, in un contesto in cui più di cento paesi hanno già presentato una richiesta di aiuto al FMI.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.