Mercato immobiliare, frenata nel primo trimestre dell’anno

L’elaborazione del centro studi di Abitare Co.:a Lucca la flessione rispetto allo scorso anno è del meno 16 per cento

Nel primo trimestre il mercato immobiliare residenziale toscano segna una battuta d’arresto, soprattutto a causa del lockdown. Secondo l’elaborazione del centro studi di Abitare Co, società di intermediazione immobiliare focalizzata sulle nuove residenze, sui dati forniti dall’Osservatorio del mercato immobiliare dell’Agenzia delle entrate, le compravendite di abitazioni nella regione sono calate rispetto allo stesso trimestre del 2019 del meno 12,2 per cento (la media nazionale è del meno 15,5 per cento), con 8mila e 176 transazioni.

La Toscana si posiziona tra le regioni al sesto posto in Italia per numerosità e al diciassettesimo posto per calo percentuale più marcato. In particolare a Lucca si registra un calo del meno 16 per cento.

A livello territoriale, nel primo trimestre 2020 si registra una flessione delle compravendite in tutte le province, con i valori più marcati a Grosseto (meno 22,5 per cento sul primo trimestre del  2019). Seguono Livorno ( meno 17,6 per cento), Lucca (meno 16 per cento), Prato (meno 14,3 per cento), Pisa (meno 12,9 per cento), Siena (meno 12,2 per cento), Massa Carrara (meno 11,9 per cento), Pistoia (meno 9,7 per cento), Arezzo (meno 8,9 per cento) e Firenze (meno 6,2 per cento).

Le province che hanno registrato il maggior numero di compravendite sono state, nell’ordine, Firenze (mila e 421), Pisa (946), Livorno (945), Lucca (781), Arezzo (586), Pistoia (568), Prato (551), Grosseto (536), Siena (513) e Massa Carrara (330).

E sul fronte dei prezzi? Tra le città capoluogo di provincia, Firenze è la più cara, con prezzi che si attestano a 3mila e 900 euro al metro quadro, seguita da Siena con 3mila e 50 euro, Massa Carrara con 2mila e 600, Pisa con 2 mila e 500, Grosseto con 2mila e 150, Lucca con 2mila e 100, Prato con 2mila, Livorno con mille e 900, Arezzo con mille e 600 e Pistoia con mille e 500.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.