Artigiani e piccole imprese, arrivano contributi a fondo perduto

Il termine per presentare le domande scade il 13 agosto

Al fine di sostenere le imprese colpite dall’emergenza Covid19, è riconosciuto ai titolari attività d’impresa e di lavoro autonomo o che siano titolari di una partita Iva, un contributo a fondo perduto, attraverso la presentazione di una domanda entro giovedì 13 agosto prossimo.

L’ammontare del contributo spetta a questi soggetti per un importo non inferiore ai mille euro se trattasi di persone fisiche, e a duemila euro per i soggetti diversi dalle persone fisiche.

“La domanda dovrebbe essere già stata presentata per tutti coloro che hanno avuto un ammontare del fatturato e dei corrispettivi nell’anno 2020, inferiore ai 2/3 dell’ammontare del fatturato e dei corrispettivi del mese di aprile 2019 – spiega Confartigianato imprese di Lucca -. L’ammontare del contributo si determina applicando una percentuale alla differenza tra l’ammontare del fatturato e dei corrispettivi del mese di aprile 2020 e quella del mese di aprile 2019 come già sopra detto. La percentuale da applicare varia: è del 20% per le imprese con ricavi nell’esercizio precedente fino a 400 mila euro; è del 15% per quelle che hanno avuto ricavi compresi tra 400 mila e 1 milione di euro; è del 10% per quelle con ricavi compresi tra 1 milione e 5 milioni di euro”.

“La domanda, se qualcuno ancora non l’avesse fatta – spiega Confartigianato – va presentata, anche tramite un intermediario, in via telematica, e l’importo sarà accreditato dall’Agenzia delle Entrate, direttamente sul conto corrente bancario/ postale per cui per procedere alla compilazione ed al successivo invio della domanda, occorre l’Iban ed il Pin. Tale contributo a fondo perduto spetta anche, in assenza dei requisiti di cui sopra ( calo del fatturato e corrispettivi nell’aprile 2020 inferiore ai 2/3 dell’ammontare del fatturato e corrispettivi dell’aprile 2019), ai soggetti che hanno iniziato l’attività dal 1 gennaio 2019 ed ai soggetti che, a far data dall’emergenza dell’evento calamitoso, hanno il domicilio fiscale o la sede operativa nel territorio di Comuni colpiti dei predetti eventi i cui stati di emergenza erano ancora in alto data di dichiarazione dello stato di emergenza Covid – 19″.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.