Compie 90 anni Emi Stefani, presidente e cofondatore di Sofidel foto

L'imprenditore è un punto di riferimento per l'intero distretto cartario lucchese

Emi Stefani, presidente e co-fondatore di Sofidel, gruppo cartario con sede a Porcari noto in particolare in Italia e in Europa per il marchio Regina, compie 90 anni.

Costantemente attivo in azienda dal 1966, il cavaliere del lavoro Emi Stefani rappresenta per Sofidel e per l’intero distretto cartario lucchese – che ha contribuito a far nascere e sviluppare – un punto di riferimento sul piano umano e imprenditoriale.

Grazie alla straordinaria esperienza – maturata cominciando a lavorare nelle cartiere fin dall’età di 15 anni – Emi Stefani ha collaborato fra l’altro a dar vita ad alcune delle più significative innovazioni nel settore del tissue (carta per uso igienico e domestico), lavorando spesso gomito a gomito con fornitori appartenenti all’industria meccanica.

Dalla prima cartiera Stefani & Lazzareschi fondata nel 1966 a Pracando, una frazione di Villa Basilica, all’ultimo stabilimento integrato recentemente aperto a Inola, in Oklahoma, negli Stati Uniti, Emi Stefani ha interpretato, e interpreta, un’idea di imprenditorialità fatta di proiezione al futuro, intraprendenza, coraggio, dedizione al lavoro, e attenzione al fattore umano oggi più attuale che mai.

Il Gruppo Sofidel

Il gruppo Sofidel, con sede a Porcari, è uno dei leader mondiali nella produzione di carta per uso igienico e domestico. Fondato nel 1966, il gruppo è presente in 12 Paesi – Italia, Spagna, Regno Unito, Francia, Belgio, Germania, Svezia, Polonia, Ungheria, Grecia, Romania e Stati Uniti – con oltre 6mkla dipendenti, un fatturato consolidato netto di 1.919 milioni di euro (2019) e una capacità produttiva di oltre un milione di tonnellate annue (1,308 tonnellate nel 2019). Regina è il suo brand più noto, presente nella maggior parte dei mercati di riferimento. Altri brand includono: Softis, Le Trèfle, Sopalin, Thirst Pockets, KittenSoft, Nalys, Cosynel, Lycke, Nicky, Papernet. Membro del Global Compact e del programma internazionale Wwf Climate Savers, il gruppo Sofidel considera la sostenibilità un fattore strategico di crescita ed è impegnato a ridurre gli impatti sul capitale naturale e a massimizzare i benefici sociali con l’obiettivo di creare valore aggiunto condiviso per tutti i suoi stakeholder. Gli obiettivi Sofidel di riduzione delle emissioni di gas a effetto serra al 2030 sono stati riconosciuti da Science based Ttrgets initiative (Sbti) in linea con i livelli richiesti per limitare il riscaldamento globale ben al di sotto i 2 gradi, secondo quanto richiesto dall’accordo di Parigi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.