Cna commercio: “Bene l’esonero dal pagamento del suolo pubblico per i titolari di concessioni”

L'associazione di categoria: "Ora vorremmo misure anche per i fieristi"

La Cna commercio su aree pubbliche esprime soddisfazione per la decisione del governo di esonerare i titolari di concessioni dal pagamento della tassa e del canone per l’occupazione del suolo per il periodo dal 1 marzo al 15 ottobre.

In base alla legge di martedì scorso (13 ottobre) i Comuni sono tenuti a rimborsare le somme eventualmente versate dagli operatori durante tutto il periodo preso in considerazione: “Siamo decisamente contenti del provvedimento del Governo – commenta Daniele Michelini, portavoce Cna della categoria – che tiene in considerazione le difficoltà in cui si trova a lavorare il nostro settore. Vorremmo però che l’attenzione venisse rivolta anche ai fieristi”.

“Questi ambulanti che lavorano solo con fiere ed eventi – spiega Michelini –, si vedono regolarmente annullati tutti gli appuntamenti e, di fatto, molti di loro non possono lavorare da mesi. Sarebbe interessante che Anci, Regioni e governo potessero mettere in campo, per tali categorie, degli strumenti di sostegno al reddito e/o di forti sgravi fiscali. La categoria, infatti, sta continuando a pagare le tasse senza poter lavorare. Comprendiamo le misure di emergenza, ma riteniamo necessario tutelare le categorie economiche che non possono portare avanti le proprie attività a causa della pandemia”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.