Vittoria degli ambulanti: niente canone da marzo a ottobre

Fiva Confcommercio esulta per il provvedimento del governo

Niente pagamento del suolo pubblico per gli ambulanti dal 1 marzo al 15 ottobre.

Fiva Confcommercio, il sindacato nazionale dei venditori ambulanti, ha ottenuto un importante risultato grazie al suo “pressing” nei confronti del Governo. A renderlo noto è il segretario generale della federazione Armando Zelli: la gazzetta ufficiale dello scorso 13 ottobre ha pubblicato infatti la legge di conversione del “Decreto Agosto”, attraverso la quale – in considerazione dell’emergenza covid – i titolari di concessioni o di autorizzazioni concernenti l’utilizzazione del suolo pubblico per l’esercizio del commercio su aree pubbliche vengono esonerati dal pagamento del suolo pubblico stesso per il periodo compreso fra l’1 marzo e il 15 ottobre.

Una misura, questa, richiesta con forza dal sindacato Fiva Confcommercio. La federazione sottolinea come con il termine “esonero” venga sancito il fatto che la tassa o il canone non siano dovuti per il periodo indicato e che laddove gli imprenditori abbiano già versato i soldi ai rispettivi Comuni di riferimento, le amministrazioni siano tenute a rimborsare le somme eventualmente incassate.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.