Contributi per le imprese, ancora 500 mila euro di risorse disponibili

Gli ambiti di spesa riguardano digitalizzazione, sostenibilità ambientale, internazionalizzazione, accesso al credito e ripartenza in sicurezza

Sono ancora disponibili 500 mila euro di risorse per le imprese. Risorse a cui le imprese possono accedere presentando domanda di contributi a fondo per digitalizzazione, sostenibilità ambientale, internazionalizzazione, accesso al credito, ripartenza in sicurezza.

Più di cento invece le domande di richiesta dei contributi a fondo perduto stanziati dalla Camera di commercio di Lucca a sostegno delle micro piccole imprese che hanno sofferto a causa delle misure di contrasto alla pandemia covid19. Sono ancora disponibili 500 mila euro, sulle risorse complessivamente messe a disposizione del sistema economico della provincia che ammontavano a 900 mila euro. Le imprese possono presentare la domanda di contributo a fondo perduto, in base ai bandi emanati dalla Giunta camerale, per interventi di digitalizzazione, sostenibilità ambientale delle attività economiche, internazionalizzazione; per favorire l’accesso al credito tramite i Confidi e per sostenere la ripartenza in sicurezza.

Possono beneficiare delle risorse dei contributi per investimenti in digitalizzazione, sostenibilità ambientale ed internazionalizzazione le micro e piccole imprese con sede legale e/o un’unità operativa nella provincia di Lucca che abbiano subito un calo di fatturato a seguito dell’emergenza da covid19 e che, al momento della presentazione della domanda, siano in possesso di tutti i requisiti previsti dal regolamento. Sono ammessi investimenti da fare o investimenti fatti a partire dal primo settembre 2020. Se il progetto è ancora da realizzare ci sono 120 giorni di tempo dalla concessione per concluderlo. Il contributo massimo erogabile per impresa ammonta a 5 mila euro e sono ancora disponibili 80 mila euro.

Per quanto riguarda i contributi per favorire l’accesso al credito il bando prevede risorse sotto forma di contributi a fondo perduto, per l’abbattimento dei costi di istruttoria sui finanziamenti privati garantiti da un Confidi o altro Ente di garanzia. Possono beneficiare dell’intervento camerale le imprese che nell’anno 2019 hanno avuto un volume dei ricavi inferiore o uguale a 1,5 milioni di euro e nel periodo tra il 1° marzo 2020 ed il 31 agosto 2020 hanno avuto un calo del fatturato almeno del 20% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Le imprese nate dopo il 1 marzo 2020 è necessario che non svolgano un’attività ritenuta “essenziale”. Per l’accesso al credito si considerano i finanziamenti, assistiti da garanzia Confidi, ottenuti a partire dal 1° maggio. Sono ammesse le domande solo dopo l’erogazione del finanziamento. Il contributo camerale copre le spese di istruttoria. Il massimo erogabile è 500 euro. È possibile presentare le domande solo dopo aver sostenuto le spese. Non sono ammessi documenti di spesa con data antecedente al 1° marzo 2020. Il contributo massimo erogabile è 500 euro e sono ancora disponibili 290 mila euro.

Per quanto riguarda i contributi a favore della ripartenza in sicurezza il bando è destinato a sostenere le imprese della provincia di Lucca nell’adempimento degli obblighi normativi per la ripartenza in sicurezza delle attività economiche. Le agevolazioni sono concesse sotto forma di voucher a copertura del 50 per cento delle spese ritenute ammissibili, fino ad un massimo di 500 euro per ciascuna impresa, al lordo della ritenuta d’acconto del 4%. Sono ancora disponibili 230 mila euro.

La domanda dovrà essere inviata esclusivamente tramite la procedura online. Sul sito camerale è possibile trovare i regolamenti completi e le modalità per la presentazione delle domande di concessione.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.