Bed and breakfast nei condomini, soddisfazione di Bonino (Confcommercio) per sentenza Cassazione

Per l'Alta Corte serve il consenso preventivo dei residenti

Esprime soddisfazione Pietro Bonino, presidente provinciale del sindacato albergatori Confcommercio Lucca, nel commentare il recente pronunciamento della Corte di Cassazione che ha sancito come requisito necessario per l’apertura di un bed & breakfast all’interno di un condominio il consenso preventivo da parte della assemblea condominiale.

“Si tratta di un tema – afferma Bonino – che era da anni al centro dell’impegno sindacale da parte della nostra categoria. Come il nostro sindacato ripete da tempo a livello nazionale, la categoria dei B&B gode di numerose agevolazioni rispetto alla attività alberghiera tradizionale, costretta fare i conti con numerosi adempimenti burocratici e strutturali, a partire ad esempio dal rispetto delle barriere architettoniche, che ne rendono molto più oneroso lo svolgimento della propria attività”.

“Ecco perché – termina Bonino – apprendiamo con piacere di questa sentenza della Cassazione che va finalmente a introdurre un paletto normativo in più anche per coloro che in futuro intendano aprire un bed & breakfast”.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.