Mercato antiquario, Cna chiede il recupero della data di novembre

Michelini: "Settore del commercio su aree pubbliche penalizzato e senza ristori"

La Cna commercio su aree pubbliche prende atto della nota del Comune in merito all’annullamento del mercato antiquario.
“La nostra associazione si è mossa per prima nel cercare di tutelare il mercato e gli operatori – spiega Daniele Michelini, portavoce della categoria – Ringraziamo l’amministrazione comunale che, dopo una iniziale presa di posizione che non aveva contemplato il ruolo delle associazioni, ha invece ascoltato le nostre richieste e si è fattivamente attivata affinché il mercato previsto per il prossimo sabato e domenica potesse svolgersi”.

“Purtroppo – continua Michelini – con la retrocessione della Toscana in zona arancione, il cammino è apparso fin da subito in salita. Chiediamo pertanto all’amministrazione di poter recuperare le date di novembre non appena le condizioni legate alla pandemia lo permetteranno. Noi saremo a disposizione”.

Secondo la Cna questo ulteriore declassamento ha creato un ulteriore contraccolpo ad un settore già colpito e non ristorato dai decreti nazionali come richiesto. Da ieri il centro cittadino e molti mercati si sono di fatto svuotati, complice anche l’impossibilità di spostarsi da un comune all’altro.

“Facciamo appello alla politica – conclude Michelini – affinché si comprenda questo grave momento di difficoltà e si venga in soccorso alle numerose imprese del settore”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.