Giannecchini (Cna Lucca): “Ristori per tutti in base al calo del fatturato”

Per il presidente dell'associazione di categoria "Impossibile qualsiasi programmazione delle attività economiche"

“È impossibile qualsiasi ragionevole programmazione fondamentale per ogni tipo di attività economica”.

Così Andrea Giannecchini, presidente Cna Lucca, commenta la decisione del governo di mettere la Toscana fra le zone rosse. “Solo giovedì siamo stati convocati al tavolo di crisi della provincia di Lucca – dice Giannecchini – dove abbiamo manifestato preoccupazione per il passaggio alla zona arancione e, solo 24 ore dopo, apprendiamo del passaggio alla zona rossa. Siamo di fronte ad un meccanismo che, nonostante gli apprezzamenti del governo, risulta poco chiaro e impedisce a chiunque di organizzarsi”.

“Le restrizioni già previste per le aree arancioni – continua il presidente Cna – come l’obbligo di rimanere nel proprio comune, di fatto significavano, per la stragrande maggioranza delle attività artigianali legate ai servizi,una sorta di lockdown di fatto; adesso con l’obbligo di non circolare lo diventano a tutti gli effetti”.

Per la Cna è infatti inutile considerare alcune attività come aperte se i clienti rimangono chiusi in casa e non possono muoversi.  “A questo punto – dice ancora Giannecchini – chiediamo al governo di garantire a tutti, indistintamente dal codice Ateco, dei meccanismi di ristoro legati al calo del fatturato che prescindono dalla facoltà di stare chiusi o aperti. Nessuno ha inoltre ancora detto in modo chiaro e comprensibile come e quando l’automatismo che ci ha portato in tre giorni alla zona rossa diventi reversibile. La nostra associazione si è sempre dimostrata responsabile e collaborativa con le istituzioni in questa difficile fase, ma le imprese sono allo stremo e questo isterismo amministrativo, a nostro avviso, deve essere ricondotto ad una gestione maggiormente lucida dell’emergenza”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.