Oltre 800mila euro per le aziende floricole toscane

Sono 163 le attività ammesse a finanziamento regionale per la crisi del coronavirus

Saranno 163 le aziende floricole toscane ammesse a percepire una sovvenzione straordinaria e diretta come parziale ristoro per la riduzione delle vendite di fiori e fronde recisi subita a causa dell’emergenza Covid-19.

L’elenco delle aziende è stato appena approvato e la sovvenzione, pari a un contributo complessivo di circa 834mila euro, sarà proporzionata alla riduzione dei fatturati che ciascuna di esse ha subito nel bimestre marzo-aprile 2020 rispetto al corrispondente bimestre del 2019.

Il finanziamento è stato fissato nei limiti massimi previsti dal bando senza alcuna riduzione, in conseguenza della capienza delle risorse messe a disposizione e sarà liquidata a breve, non appena espletate le verifiche previste dalla normativa vigente.

“La Regione mantiene gli impegni presi con le categorie maggiormente colpite nella prima fase pandemica e continua il suo lavoro di sostegno – sottolinea la vicepresidente e assessore all’agroalimentare Stefania Saccardi – siamo consapevoli che il ristoro che eroghiamo non potrà coprire tutti i danni subiti, ma contiamo sul fatto che possa rappresentare un aiuto valido per sostenere una parte dei mancati introiti”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.