La manicure perfetta in casa, come dall’estetista

Ci sono alcune cose che è bene lasciar fare ai professionisti ma con un po’ di dedizione e di concentrazione anche chi non è del mestiere può prendersi cura delle proprie unghie

Più informazioni su

Si fa presto a dire manicure: si devono conoscere diverse tecniche, possedere una certa manualità e destrezza, anche la dotazione degli attrezzi utili per fare il miglior lavoro è essenziale. Ma per fare un lavoro di cui ritenersi soddisfatte è bene seguire alcuni piccoli accorgimenti che permettono di semplificare il tutto in un batter d’occhio.

Quel che conta è sapere bene cosa si desidera ottenere alla fine, che tipo di stress dovranno sopportare le mani e che genere di prodotti fanno al proprio caso. Scegliere bene il giusto smalto, la crema idratante e gli accessori per accorciare e limare le unghie è essenziale. Infatti consentirà di risparmiare acquistando ciò di cui si ha veramente bisogno senza distrazioni.

Prima di fare la manicure in casa

Ci sono alcuni accorgimenti che è bene conoscere per riuscire a fare un buon lavoro sulle proprie mani. Spesso chi decide all’improvviso di seguire una routine per la cura delle mani lo fa perché non le ha bellissime e decide di porre rimedio. Chi ha il vizio di mangiare le unghie sa quanto sia difficile tenere in ordine le cuticole, evitare che la pelle intorno alle dita si gonfi e spelli, ma soprattutto sanguini spesso.

Le mani sono spesso il primo sfogo della tensione quotidiana, qui si concentrano le prime attenzioni e spesso i gesti automatici di nervosismo non sono facili da controllare. Ci si ritrova a spellare o mangiucchiare unghie e cuticole senza rendersene veramente conto.

In questo caso è meglio intervenire a monte. Se non è poi così facile trovare la calma e la serenità, specie in un periodo segnato dalla continua incertezza, sarà sufficiente distrarre l’attenzione verso altro. Per esempio la classica pallina antistress, da premere e manipolare per tenere le mani impegnate ma senza farsi del male.

Sarà importante anche idratare a fondo la pelle, per questo il miglior modo per preparare le mani alla manicure sarà idratarle con assiduità e limitare il contatto diretto delle mani con agenti aggressivi. L’acqua calda, i detergenti, ma anche alcune verdure, l’uso di strumenti pesanti, possono danneggiare la pelle e renderla più spenta e opaca. Indossare dei guanti e idratare spesso le mani permetterà di avere la pelle morbida e ottenere buoni risultati.

La manicure passo dopo passo

Prima di limare e passare lo smalto, sarà importante dedicare qualche minuto alla fase di preparazione della manicure. Imprescindibile lasciare le mani a mollo nell’acqua tiepida con un po’ di sapone per almeno 5 minuti. In questo modo la pelle si idrata maggiormente e anche le unghie si ammorbidiscono. Sarà più facile rimuovere le cuticole e accorciare le unghie senza rischiare di romperle.

A questo punto si potranno applicare dei prodotti specifici, per esempio un nutriente per le unghie che rimpolpi lo strato di cheratina rendendole più lucide e meno sensibili all’uso di smalto o solvente. Un prodotto per ammorbidire le cuticole sarà essenziale per poter effettuare un buon lavoro. In commercio se ne trovano tanti, non tutti hanno un INCI perfetto o sono altrettanto efficaci.

La forma delle unghie non è sempre uguale, possono essere squadrate, arrotondate, ovali. Ci vuole occhio e buona pratica per ottenere un buon risultato su grandezze così minute. Per questo si può pensare di usare una sagoma e usarla per dare alle unghie la forma desiderata.

Con una semplice tronchesina si possono accorciare le lunghezze, mentre con la limetta si possono definire i dettagli. Per essere certi di fare un buon lavoro con la lima si dovrà smussare poco per volta l’unghia sulle tre facce, quindi di taglio, sopra e sotto. La grana della lima permette di ottenere un effetto diverso, rimuovendo le sbavature e lucidando la parte superiore.

Passare uno smalto protettivo. Lo strato di coating, cioè quello smalto trasparente da stendere tra l’unghia e lo smalto colorato, può essere una buona soluzione per limitare l’azione aggressiva dello smalto. Non sempre è necessario e non è detto che migliori l’effetto finale. A volte potrebbe compromettere l’aderenza del colore preferito e renderlo meno resistente e facile a danneggiarsi.

Che smalto usare

Prima di spendere molti soldi per l’attrezzatura necessaria a usare il miglior semipermanente è utile chiedersi che tipo di prodotto si preferisce. I permanenti o indurenti, hanno bisogno di lampade UV per catalizzare e legarsi all’unghia. Più resistenti e fatti per durare a lungo, sono anche impegnativi da gestire.

Il nostro consiglio è di andare per gradi e scegliere prima i prodotti di buona qualità ma che non richiedano particolare attrezzatura per poter essere stesi. Se la nail art dovesse poi conquistare i vostri cuori, allora sarà tempo di espandere le proprie vedute e provare altri metodi per mettere lo smalto.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.