Ambulanti, proroga di 12 anni per le concessioni. Soddisfatta Confesercenti

Pierotti (Anva): "Garantito il sacrosanto diritto di lavorare"

“In una situazione ancora disperata con le nostre attività che, ci auguriamo, potranno tornare tutte a lavorare a partire da venerdì prossimo con il ritorno nella zona arancione, la notizia che il governo ha dato il via al rinnovo delle concessioni ambulanti fino al 31 dicembre 2032 è sicuramente una notizia che ci ridà speranza. Un grazie alla presidenza nazionale Anva che in queste settimane si è spesa quotidianamente per giungere a questo traguardo, tra l’altro già previsto da un provvedimento della Regione Toscana”. Nella parole di Leonetto Pierotti, presidente Toscana Nord di Anva Confesercenti, tutta la soddisfazione per il via libera arrivato dal governo alla proroga di dodici anni delle concessioni per l’esercizio del commercio su aree pubbliche relative a posteggi inseriti in mercati, fiere e isolati, inclusi quelli finalizzati allo svolgimento di attività artigianali, di somministrazione di alimenti e bevande, di rivendita di quotidiani e periodici e di vendita da parte dei produttori agricoli, che scadono il prossimo il 31 dicembre.

“Agli ambulanti, messi in ginocchio in questo lungo periodo di emergenza covid da una serie di restrizioni assurde, è stato garantito il sacrosanto diritto di lavorare – insiste Pierotti – La Toscana si era già messa in regola da questo punto di vista, ma bisognava attendere le decisioni del governo che alla fine ha ascoltato le nostre pressanti richieste. Adesso i Comuni potranno agire d’ufficio per allungare le concessioni in mancanza, ovviamente, di impedimenti previsti dalle normative”.

Nelle linee guida che il ministero dello sviluppo economico ha redatto per la proroga di 12 anni delle concessioni, c’è anche la questione di coloro che sono affittuari di un posteggio ed il titolare non è più iscritto al registro delle imprese. Ancora il presidente Anva. “Una questione che avevamo affrontato, ad esempio, con il Comune di Lucca sia con l’assessore Chiara Martini che con i responsabili Suap, visto che la mancata iscrizione al registro delle imprese porta alla decadenza della concessione data in affitto a terzi. Secondo le linee guida ci sarà tempo fino a giugno 2021 per mettersi in regola da parte dei proprietari qualora non siano più iscritti – conclude Leonetto Pierotti – e dal’1 luglio i Comuni inizieranno con le giuste verifiche in Camera di Commercio”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.