Azioni Apple: come comprarle, quotazioni e suggerimenti

Più informazioni su

Apple è una società che progetta, sviluppa e distribuisce dispositivi tecnologici, come ad esempio smartphone, computer, notebook, cuffie e tanto altro ancora, oltre a sistemi operativi e servizi cloud. È nata nel 1976 ad opera di Steve Jobs, ed è ad oggi uno dei colossi mondiali nel suo settore.

È chiaro dunque che moltissime persone sono interessate ad acquistare le azioni di questa società vincente, nella speranza di riuscire a guadagnare con esse. Ma è una buona idea? E soprattutto, come farlo in sicurezza? È proprio a queste domande che cercheremo di dare una risposta il più possibile esauriente in questo breve articolo.

Conviene investire in azioni Apple?

Comprare azioni Apple è qualcosa a cui qualsiasi trader ha pensato almeno una volta nella sua vita. Ma è davvero conveniente come sembra? Diciamo che in generale investire in aziende molto solide e famose può essere una buona idea.

I volumi che vengono scambiati ogni giorno sono piuttosto alti e la relativa volatilità non è né troppo statica né troppo alta. Nonostante la grandezza e la notorietà dell’azienda, il prezzo delle azioni resta piuttosto accessibile anche per i clienti retail.

Dunque forse la domanda da porsi è un’altra. In che modo conviene investire in azioni Apple? Tramite l’acquisto di azioni dirette, ovvero DMA, o con i CFD, vale a dire i contratti per differenza? Questo dipende da molti fattori diversi.

Se si pensa che il titolo Apple possa crescere sensibilmente nonostante la grave crisi economica in cui ci troviamo, allora conviene investire tramite DMA, e quindi acquistare direttamente le azioni. In questo modo di diventa ufficialmente uno degli investitori del titolo, e in modo proporzionale alla quota posseduta si può anche avere una certa influenza sulla stessa società.

Con questo tipo di investimento si può guadagnare quando il titolo è in crescita, invece se questo va incontro ad un periodo di trend negativo allora l’investimento andrà perso. Quindi questo è un metodo di investimento da preferire quando si è già più esperti nel trading e si dispone di capitali piuttosto alti.

Con i CFD invece si va ad investire cercando di prevedere l’andamento del titolo, e dunque è possibile guadagnare sia se questo va incontro a un trend positivo che se va incontro ad un trend negativo. Dunque, se si pensa che la Apple possa subire gravi conseguenze dall’attuale crisi economica, si ha la possibilità di investire in questa modalità.

Ma come fare, nel pratico, a investire in azioni Apple? È semplice: tramite le piattaforme di broker online.

Le piattaforme di broker online con cui investire in azioni Apple

Le piattaforme di broker online grazie alle quali si può investire in azioni Apple sono veramente moltissime, ma non sono certamente tutte uguali. Scegliere la migliore aiuta non solo il trader nelle sue operazioni, ma ne garantisce anche maggiormente la sicurezza.

Proprio per questo è bene scegliere una di quelle che hanno esposte sulla propria pagina web tutte le licenze e le autorizzazioni necessarie. In particolar modo è necessario che queste abbiano le autorizzazioni CONSOB e CySec e che seguano la regolamentazione MiFid.

Inoltre, per evitare spese spropositate, è importante scegliere quelle piattaforme che non hanno costi di commissione. Questi infatti possono essere davvero troppo alti e diventare addirittura proibitivi per quei trader che non possono permettersi spese eccessive.

È importante anche che queste possano fornire al trader tutti gli strumenti necessari a investire al meglio, come grafici e tecniche particolari, e il tutto utilizzando un’interfaccia abbastanza semplice. A godere di queste importanti proprietà sono le seguenti piattaforme:

  • eToro
  • Plus500
  • Trade.com
  • IQ Option
  • Capital.com

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.