Quantcast

Le rubriche di Lucca in Diretta - in Regione

Host in translation, dialoghi streaming in lingua: ecco l’iniziativa di Mulino e Unicredit

Più informazioni su

Host in Translation è la nuova rassegna di dialoghi in lingua organizzata dalla Società editrice il Mulino: un calendario di incontri in live streaming con grandi protagonisti del panorama culturale internazionale, e autori della casa editrice. Un nuovo progetto per trasformare la fruizione dei contenuti culturali ed editoriali dettati dall’emergenza in una grande opportunità di scambio di pensieri, idee e informazioni sulle tematiche più attuali: un’esigenza che risponde alla politica culturale del Mulino, attenta a cogliere novità e suggestioni dal mondo, in molte discipline.

In live streaming sul sito www.mulino.it, sulla pagina Facebook @edizioni.mulino e sul canale YouTube Edizioni del Mulino, un dialogo a distanza tra l’autore e un interlocutore che ben conosce le tematiche trattate, introdotto dall’editor di riferimento della Società editrice il Mulino.

Il calendario dell’iniziativa, realizzata grazie alla sponsorizzazione di UniCredit e con il patrocinio di Confindustria Emilia, si inaugura mercoledì 10 marzo alle ore 18 con il giudice Antoine Garapon e l’incontro dal titolo “Justice Digitale”: una riflessione, tra diritto e filosofia, su come i processi di digitalizzazione che stanno avanzando possano portare ad algoritmi che promettono di eliminare errori, discrezionalità e incertezze propri della tradizionale decisione affidata ai giudici. A partire dal volume appena pubblicato per il Mulino La giustizia digitale di Antoine Garapon e Jean Lassègue, il dialogo è moderato da Maria Rosaria Ferrarese e introdotto da Daniela Bonato, editor del volume.

Si prosegue lunedì 15 marzo alle ore 18 con l’incontro “The time code” con Georg Northoff, neuropsicologo, psichiatra e neurofilosofo, una delle voci più influenti dei nostri anni per ciò che attiene gli studi sulle basi neurali dell’identità e della coscienza. La sua ultima opera, Il codice del tempo, scritta appositamente per il Mulino, ci accompagna nelle pieghe del tempo e ci fa scoprire come esso sia lo strumento più importante per la definizione di noi stessi e si collochi all’origine della nostra coscienza e della relazione tra mente e corpo. Introduce Daniele Malaguti, editor del volume.

I dialoghi di Host in Translation nel mese di marzo si concludono mercoledì 24 marzo alle ore 18 con un incontro d’eccellenza dal titolo “Deaths of Despair and the Future of Capitalism” con Anne Case e Angus Deaton, premio Nobel per l’economia nel 2015. In occasione dell’uscita del volume scritto a quattro mani Morti per disperazione e il futuro del capitalismo, in libreria per il Mulino dal 18 marzo, un dialogo a distanza tra gli autori e Alessandro Merli per andare a fondo dell’emergenza denunciata nel libro. L’aspettativa di vita negli Stati Uniti è diminuita per tre anni consecutivi: negli ultimi due decenni, le morti dovute a suicidio, droga e alcolismo sono aumentate drammaticamente, mietono centinaia di migliaia di vite ogni anno e i numeri continuano a crescere. Siamo davanti a una degenerazione che deve mettere in guardia gli altri paesi dell’Occidente democratico da possibili, analoghe, deviazioni. Introduce Monica Albertoni, editor del volume.

Il mese di aprile riprende con gli incontri della rassegna mercoledì 14 aprile alle ore 18 con Richard Baldwin e l’incontro dal titolo “The Globotics Upheaval”, moderato da Alessandro Merli e introdotto dall’editor Monica Albertoni. Ricordiamo da ultimo il volume Rivoluzione Globotica di Richard Baldwin e proprio ai tanti temi che questa rivoluzione robotica e globale solleva nelle nostre società, soprattutto per quanto riguarda il lavoro, è dedicato questo incontro in live streaming sui canali della Società editrice il Mulino.

Ultimo appuntamento previsto per questa prima parte di calendario di Host in Translation è quello di mercoledì 21 aprile alle ore 15 con Bina Agarwal“Gender, Poverty and Inequality”. Con l’intervento di Alessandro Merli e l’introduzione di Monica Albertoni, partendo dal volume di prossima uscita Disuguaglianze di genere nelle economie in via di sviluppocurato da Alberto Quadrio, un incontro con l’economista indiana e premio Premio Balzan 2017, che si occupa di studi di genere nei paesi in via di sviluppo, con particolare attenzione alle zone rurali di India, ma anche di Sud America e Africa.

Tutti gli eventi sono liberi e gratuiti

Per seguire le dirette:

www.mulino.it

– Su Facebook: @edizioni.mulino www.facebook.com/edizioni.mulino

– Su YouTube Edizioni del Mulino www.youtube.com/user/edizionidelmulino

10 marzo ore 18

A talk with Antoine Garapon

Justice Digitale

con Maria Rosaria Ferrarese

Introduce Daniela Bonato

Antoine Garapon, già giudice minorile, membro del comitato editoriale della rivista filosofica Esprit, esplora da anni, anche attraverso le attività di ricerca e formazione dell’Institut des Hautes Études sur la Justice, che dirige a Parigi, le interazioni tra scenari istituzionali ed evoluzione del diritto e della giustizia. Tra i suoi libri ricordiamo Chiudere i conti con la storia. Colonizzazione, schiavitù, shoah (2009) e Lo stato minimo. Il neoliberalismo e la giustizia (2012) editi da Cortina. Con il Mulino ha pubblicato Crimini che non si possono perdonare né punire. L’emergere di una giustizia internazionale (2005).

A partire dal volume La giustizia digitale. Determinismo tecnologico e libertà umana(scritto con Jean Lassègue)

15 marzo ore 18

A talk with Georg Northoff
The time code

Introduce Daniele Malaguti

Georg Northoff vive e insegna a Ottawa presso l’Institute of Mental Health Research. Neuropsicologo, psichiatra e neurofilosofo, si occupa delle basi neurali dell’identità e della coscienza. In italiano è uscito La neurofilosofia e la mente sana (Cortina, 2019)

A partire dal volume Il codice del tempo. Cervello, mente e coscienza

24 marzo ore 18

A talk with Anne Case and Angus Deaton

Deaths of Despair and the Future of Capitalism

con Alessandro Merli

Introduce Monica Albertoni

Anne Case è professore emerito di Economics and Public Affairs nella Princeton University.

Angus Deaton, vincitore del premio Nobel per l’economia nel 2015, è professore emerito di Economics and International Affairs nella Princeton University e Presidential Professor of Economics nella University of Southern California. Il Mulino ha pubblicato La grande fuga. Salute, ricchezza e origini della disuguaglianza (20192). Nel 2015 è stato il protagonista della XXXI Lettura del Mulino

A partire dal volume Morti per disperazione e il futuro del capitalismo, in libreria dal 18 marzo

14 aprile ore 15

A talk with Bina Agarwal

Gender, Poverty and Inequality

con Alessandro Merli

Introduce Monica Albertoni

Bina Agarwal è professore di Development Economics and Environment nell’Università di Manchester; in precedenza è stata professore di Economics e direttore dell’Institute of Economic Growth, University of Delhi, e ha ricoperto ruoli importanti nelle più prestigiose università americane. È membro dell’Accademia dei Lincei e ha partecipato alla Commission for the Measurement of Economic Performance and Social Progress, al fianco di Sen, Fitoussi e Stiglitz. Vive a New Delhi.

A partire dal volume Disuguaglianze di genere nelle economie in via di sviluppo a cura di Alberto Quadrio Curzio, in libreria dall’8 aprile

21 aprile ore 18

A talk with Richard Baldwin

The Globotics Upheaval

con Alessandro Merli

Introduce Monica Albertoni

Richard Baldwin è professore di International Economics alla Graduate School di Ginevra e editor in chief di «Vox» dal 2007; è stato presidente del CEPR dal 2012 al 2018. Ha insegnato alla Columbia University e al MIT; è stato consulente della Casa Bianca (1990-1991) e di numerosi governi e istituzioni internazionali. Il Mulino ha pubblicato La grande convergenza (2018).

Anche a partire dal volume Rivoluzione globotica. Globalizzazione, robotica e futuro del lavoro (2020)

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.