Quantcast

Suolo pubblico, Cna: “Il Comune proceda con i rimborsi agli ambulanti”

La presidente Cesaretti: "Gli associati non hanno ricevuto ancora nessun riscontro"

“Il Comune proceda con il rimborso per il suolo pubblico”. E’ questa la richiesta della Cna di Lucca alla luce dei mancati riscontri per le richieste inviate.

“Molti ambulanti, infatti – spiega Valentina Cesaretti, portavoce Cna della categoria – all’inizio dell’anno scorso avevano pagato in tutto o in parte il suolo pubblico. Poi, a causa della pandemia, il governo ha messo in atto vari provvedimenti in cui prevede, giustamente, il rimborso parziale del suolo pubblico. Provvedimenti importanti per l’intera categoria che, però, ad oggi, sembrano ancora essere disattesi dal Comune”.

Alcuni degli associati, sostiene la Cna, hanno inviato formale richiesta di rimborso, ma “ad oggi non hanno ricevuto nessun riscontro”. “Oltre a ciò – continua Cesaretti – si aggiunge il fatto che Sistema Ambiente ha iniziato ad inviare le cartelle relative alla tariffa di competenza. In alcuni casi tale cartelle si riferiscono all’ultimo intero quinquennio, andando ad appesantire una categoria già stremata dall’impossibilità di lavorare. L’amministrazione proceda quindi con la verifica delle domande di rimborso pervenute e a dare in tempi brevi un riscontro alla categoria che ha subito e continua a subire ingenti perdite”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.