Quantcast

Perini Navi, sono in quattro per l’acquisto dal fallimento

Si sfideranno partendo da una base d'asta di 62,5 milioni di euro. Il 30 luglio l'apertura delle buste

Sono 4 i ‘cavalieri bianchi’ per Perini Navi, il gruppo dei superyacht a vela di Viareggio, dichiarato fallito dal tribunale di Lucca nel gennaio scorso: The Italian Sea Group (la società che vede tra gli azionisti la holding di Giovanni Costantini e Giorgio Armani), Ferretti Group e Sanlorenzo alleati in una newco e Palumbo Yachts. Si sfideranno partendo da una base d’asta di 62,5 milioni di euro anche se tutti dichiarano che compreranno solo “al prezzo giusto”.

The Italian Sea Group ha dato mandato a Deloitte “per svolgere talune approfondite procedure di analisi sui documenti messi a disposizione” e “conferma il proprio interesse per Perini Navi solo a valori sostenibili in un’ottica di creazione di valore per la società ed i propri azionisti”. “Parteciperemo all’asta per l’acquisizione di Perini Navi con la Newco Restart, per il 50% Sanlorenzo e per il 50% Ferretti, in modo da essere più forti, per investire in uomini, risorse e denaro per rilanciare un’azienda che ha bisogno di un grosso lavoro”, aveva invece spiegato all’agenzia Ansa qualche giorno fa Massimo Perotti, amministratore delegato del cantiere Sanlorenzo.

Ciascun offerente dovrà versare un deposito cauzionale, dieci milioni di euro entro il 28 luglio ed entro il 29 luglio alla cancelleria fallimentare del tribunale di Lucca dovrà arrivare l’offerta in busta chiusa. L’apertura è fissata per il 30 luglio nella sede legale del cantiere, in presenza del curatore fallimentare, Franco Della Santa, del notaio Lamberto Giusti, ed – eventualmente – del giudice delegato Carmine Capozzi.

Oltre ai cantieri della Spezia (valore 21 milioni) e di Viareggio (23 milioni), al brand (stimato 13 milioni) e al logo, con l’asta i compratori si aggiudicano anche uno yacht in costruzione del valore di 2,1 milioni (si era parlato di una commessa da parte di Larry Ellison) e un immobile a Pisa per 75mila euro.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.