Quantcast

Crisi tabacco, da Manifatture Sigaro Toscano pronti oltre 70 milioni per l’acquisto del Kentucky

L'amministratore Mariotti al summit di Lucca: “Fare sistema per supportare una produzione unica in Italia e nel mondo”

Un investimento in cinque anni da oltre 70 milioni di euro per garantire l’acquisto dei volumi disponibili, stimati in oltre 2200 tonnellate di tabacco Kentucky italiano all’anno e supportare la sostenibilità di una filiera in forte crisi. È la risposta di Manifatture sigaro Toscano al tavolo sulla filiera del tabacco organizzato oggi (1 luglio) a Lucca, nella sede di Mst, alla presenza del sottosegretario alle politiche agricole, Gian Marco Centinaio e del vicepresidente e assessore all’agricoltura della Regione Toscana, Stefania Saccardi.

All’incontro, oltre all’amministratore delegato di Mst, Stefano Mariotti, l’associazione Tabacchicoltori Italia centrale, Italtab Op, Ont Italia Scarl, l’Optat e l’Unione nazionale Tabacco, presenti anche il sindaco di Lucca, Alessandro Tambellini e l’assessore alle attività produttive, Chiara Martini.

La filiera del Kentucky è una realtà importantissima del made in Italy: 2mila addetti, 200 imprese familiari, oltre mille e 300 ettari coltivati in Italia, soprattutto in Toscana, basso Lazio, Campania e in alcune realtà di Veneto e Umbria. Negli ultimi anni il settore è stato colpito da una grave crisi: alla mancanza dei contributi comunitari, compensati dall’aumento dei prezzi di acquisto, si è aggiunto un andamento stagionale che ha colpito le coltivazioni causando gravi danni alla produzione. Manifatture Sigaro Toscano già nel 2019 aveva firmato un accordo programmatico con il quale si impegnava ad acquistare un minimo di 2mila 200 tonnellate di tabacco, per un valore di circa 15 milioni di euro, fino a tutto il 2024.

Le persistenti difficoltà del settore hanno tuttavia spinto Manifatture sigaro Toscano a un ulteriore aiuto: “Siamo pronti fin da ora – ha spiegato al tavolo l’amministratore delegato Mariotti – a rinnovare il nostro impegno per i prossimi 5 anni con un investimento di oltre 70 milioni di euro così da consentire una prospettiva più lunga ai coltivatori. È necessario – ha chiesto – fare sistema per supportare la coltivazione del tabacco Kentucky in Italia che altrimenti rischia di non essere sostenibile. E dobbiamo trovare delle forme per supportare quella che è una produzione unica in Italia e nel mondo”. Quest’anno, infatti, Mst ha previsto inoltre un ulteriore contributo riconoscendo un sussidio ai coltivatori maggiormente colpiti, in base delle superficie coltivate e al tabacco che verrà consegnato, stimato in oltre 2 milioni di euro.

“Il sigaro Toscano rappresenta la tradizione e un simbolo del saper fare italiano, così com’è sinonimo di un fumo di qualità e profondamente legato ad alcuni nostri territori – ha evidenziato il sottosegretario Gian Marco Centinaio -. L’investimento annunciato oggi garantisce la sostenibilità della filiera del tabacco Kentucky e dà certezze ai coltivatori, che sono così messi nelle condizioni di guardare al futuro con progettualità e fare investimenti. Da parte nostra c’è l’impegno a sostenere questa realtà. Voglio prendere un impegno concreto replicando questo tavolo di lavoro per la filiera del tabacco Kentucky al ministero per le politiche agricole dando appuntamento immediatamente dopo l’estate”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.