Quantcast

Il Consorzio di bonifica punta sugli acquisti “verdi”

Dalla carta ai toner solo prodotti ecologici

Svolta verde per il Consorzio 1 Toscana Nord: che decide di puntare esclusivamente su acquisti di beni e servizi che abbiano un ridotto impianto ambientale o che possano inserirsi in un quadro di economia circolare.

E’ l’obiettivo che l’Ente consortile si è posto col suo bilancio ambientale, che è stato approvato dell’assemblea consortile, contestualmente alla discussione del bilancio consuntivo in programma.

“L’approvvigionamento di beni e servizi e di strumenti per la nostra attività rappresenta un segmento importante nella nostra politica ambientale – spiega il presidente del Consorzio, Ismaele Ridolfi –. L’obiettivo che ci siamo posti, infatti, è quello di ampliare gli acquisti “verdi” a tutte le diverse tipologie di forniture dell’Ente, ove naturalmente questo approccio risulti praticabile. Abbiamo quindi optato per l’acquisto di beni e servizi a ridotto impianto ambientale. In particolare, nei settori dove sono previsti i criteri ambientali minimi con decreto ministeriale, sono state puntualmente seguite le prescrizioni normative. Negli altri casi, abbiamo comunque utilizzato un approccio analogo”.

Andando nello specifico, per la carta è stato scelto di acquistare solo quella certificata come prodotta da gestione sostenibile delle foreste; per i toner, è stato optato per uno smaltimento scrupolosamente attento all’ambiente; per la pulizia di sedi ed impianti, negli appalti è stata inserita la previsione di utilizzo unicamente di prodotti detergenti ecologici; per i prodotti informatici e il noleggio di macchine multifunzione, sono stati varati capitolati precisi, che impongono la fornitura unicamente di mezzi a basso consumo energetico; per i dispositivi di protezione individuale e vestiario degli operai e dei lavoratori, è stato escluso il consumo di pellami o altri materiali ad impatto ambientale. In tale direzione va anche l’avvio dell’informatizzazione della dematerializzazione dell’archivio consortile e l’utilizzo dei buoni pasto elettronici (con abbattimento del consumo di carta), il servizio di vigilanza delle sedi col telecontrollo (evitando così spostamenti inutili), l’acquisto di auto elettriche e di energia da fonti rinnovabili, nonché la gestione dei rifiuti.

“Il nostro è il primo Ente consortile in Italia ad aver approvato la dichiarazione di emergenza climatica – ricorda il presidente del Consorzio, Ismaele Ridolfi – E il bilancio ambientale è uno degli strumenti di cui ci siamo dotati, proprio come azione per prevenire e combattere gli effetti dei cambiamenti climatici, che sono purtroppo una realtà pure sul nostro territorio. Si tratta di uno strumento di rendicontazione e di comunicazione volontario, col quale intendiamo coinvolgere tutti i portatori di interesse nell’analisi dei risultati ambientali della nostra attività istituzionale”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.