Quantcast

Commercio, l’allarme di Lanza (Federmoda): “Negozi on line sempre più senza regole”

Per il presidente del comparto di Confcommercio dilagano anche le vendite a domicilio sotto forma di cene o eventi

Il mondo delle vendite on line? Sempre più senza regole, a tutto svantaggio dei cosiddetti negozi tradizionali. Il grido di denuncia, l’ennesimo, arriva da Federico Lanza, presidente di Federmoda Confcommercio province di Lucca e Massa Carrara.

“Il nostro sindacato – afferma Lanza – lo ripete da anni, in ogni sede possibile: chi basa la sua attività sulla vendita web dovrebbe essere sottoposto al medesimo trattamento fiscale dei negozi “fisici”. Invece, purtroppo, i colossi mondiali di questo settore godono di vantaggi inaccettabili, che vanno a sommarsi ad altri legati a mezzi e risorse che rendono già di per sé impari la lotta. E certo non rassicurano gli impegni presi al recente G20 nei confronti dei colossi mondiale del web, ancora insufficienti nella misura e purtroppo indefiniti nei loro tempi di applicazione”.

“A fronte delle nostre ripetute denunce di questi anni – prosegue Lanza -, purtroppo, ci troviamo costretti a registrare il fatto che questa disparità di trattamento non solo non registri miglioramenti, ma anzi, al contrario, peggiori ogni giorno creando ulteriori e gravi danni nei confronti dei negozi tradizionali. A tale proposito, ci giungono sempre più frequenti segnalazioni di attività di vendita di merce acquistata dai grossisti e svolte da privati nelle proprie case, attraverso promozioni e pubblicità on line e in modo particolare social, e con modalità che non rispettano in alcun modo le prescrizioni burocratiche, amministrative e fiscali richieste ad negozio normale. Vendite effettuate a volte a un ristretto gruppo di amici e conoscenti, in altri casi dietro l’organizzazione di veri e propri eventi a domicilio, come aperitivi o cene”.

“Un’attività a volte sommersa o semi sommersa – conclude il presidente di Federmoda -, ma strutturata. E che, cosa ben più importante, avviene in evidenti modalità di concorrenza sleale nei confronti dei negozi tradizionali. Per questo ci siamo già attività per tutelare in ogni sede i diritti e il lavoro dei nostri imprenditori”.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.