Quantcast

Lavoro, la polizia penitenziaria cerca 1479 allievi agenti da reclutare

La domanda deve essere inviata entro il 9 dicembre

Un bando di concorso per reclutare 1479 allievi agenti di Polizia penitenziaria. È stato pubblicato lo scorso 9 novembre in gazzetta ufficiale dal ministero della giustizia ed è rivolto a 1109 uomini e 370 donne.

I candidati, oltre al possesso del diploma, devono avere la cittadinanza italiana, godere dei diritti civili e politici, possedere le qualità morali e di condotta, avere efficienza e idoneità fisica, psichica e attitudinale al servizio e altri requisiti. Il concorso si svolgerà attraverso diverse fasi: una prova scritta, che verterà su una serie di domande a risposta sintetica o a scelta multipla, riguardanti argomenti di cultura generale e materie oggetto dei programmi della scuola dell’obbligo, prove di efficienza fisica, che consisteranno nei seguenti esercizi ginnici: corsa, salto in alto e piegamenti sulle braccia; superate le prove di  efficienza  fisica i candidati saranno sottoposti agli accertamenti psico-fisici e infine agli accertamenti attitudinali, che consistono in una serie di test sia collettivi sia individuali e in un colloquio e servono ad accertare l’attitudine del candidato allo svolgimento dei compiti assegnati.

Nella domanda di partecipazione i candidati devono dichiarare cognome e nome, data, luogo di nascita e codice fiscale, il possesso della cittadinanza italiana, il titolo di studio posseduto, il godimento dei diritti civili e politici, l’iscrizione alle liste elettorali, la residenza o il domicilio e l’indirizzo di posta elettronica, di non aver a proprio carico condanne penali, di non essere stati destituiti, dispensati o dichiarati decaduti dall’impiego in una pubblica amministrazione. La domanda di partecipazione al concorso deve essere inviata esclusivamente tramite internet e deve essere presentata entro il 9 dicembre.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.