Quantcast

Energie rinnovabili, il Consorzio di bonifica Toscana nord investe oltre un milione di euro

L'ente sostiene il programma europeo "Fit for 55": entro il 2030 il 40 per cento di energia verrà prodotta da fonti alternative

Ambiente ed energie rinnovabili come fonte di risorsa e sviluppo per proseguire a pieno regime nella direzione europea della transizione ecologica. È questa la sfida ambientale lanciata dal Consorzio 1 Toscana nord con l’approvazione del piano triennale (2022-2024) per l’ambiente e le energie rinnovabili da parte dell’assemblea consortile.

Un piano ambizioso e articolato che il Consorzio, dopo essere stato il primo ente consortile in Italia ad aver proclamato e aderito alla dichiarazione di emergenza climatica ed ambientale, vuol mettere in atto seguendo i dettami e i principi cardine lanciati dalla Commissione Europea con il programma denominato Fit for 55.

Oltre un milione di euro sono gli investimenti previsti nel 2022 nel piano: “Abbiamo lanciato un pacchetto di proposte volto a migliorare sensibilmente l’efficientamento energetico – dichiara il presidente del Consorzio 1 Toscana nord, Ismaele Ridolfi –, soprattutto attraverso un maggior impiego delle energie rinnovabili. A tal proposito è stato fissato come obiettivo da raggiungere entro il 2030 quello del 40 per centro di energia prodotta da fonti rinnovabili contro il 32 per cento stabilito nel 2018. Questo vuol dire che ogni anno dovremmo incrementare di un 1,1 per cento la produzione della quota di energia rinnovabile. Il progetto prevede di implementare l’uso del fotovoltaico con nuovi installazioni di impianti già esistenti sulle nostre sedi e sugli edifici di nostra proprietà e regolamentati secondo il sistema ‘scambio sul posto’ con vendita di energia elettrica tramite Gse. Grazie a queste buone pratiche, possiamo utilizzare già da molti anni il segno e il logo del gruppo A2A che certifica l’energia prodotta da fonti rinnovabili sostenibili – conclude Ridolfi -. In questi ultimi anni, abbiamo aumentato l’energia rinnovabile di quasi il 50 per cento di produzione e ci prefissiamo di raggiungere 131.734 kwh nel 2022 ”.

Importante anche il fronte della riqualificazione degli edifici (sede di Capannori e di Viareggio) a cui sono destinati oltre 800mila euro, in particolare il restyling delle superficie degli edifici esistenti, per aumentare al 75 per cento l’efficientamento energetico, riducendo conseguentemente, il consumo di energia negli edifici di una soglia pari al 36 per cento. Il Consorzio inoltre,1 pone come obiettivo il rispetto della riduzione del 55 per cento di anidride carbonica emessa dal proprio parco mezzi, cercando di completare anno dopo anno la sostituzione del parco mezzi e acquistando auto e furgoni ad emissione zero e/o elettriche. Infine, per quanto riguarda la piantumazione degli alberi, l’obiettivo prefissato è quello di piantare mille alberi nelle aree del comprensorio.

 

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.