Quantcast

Sanzioni anticipate al 30 giugno per chi non usa il Pos, Confcommercio non ci sta

Il presidente regionale Franco Marinoni: "La diffusione dei pagamenti elettronici va perseguita abbattendo le commissioni e i costi a carico di consumatori e imprese"

Franco Marinoni, direttore di Confcommercio Toscana, esprime una posizione critica nei confronti del provvedimento che anticipa al 30 giugno prossimo il regime sanzionatorio per gli esercenti che non accettano pagamenti con carte di credito e di debito: “La diffusione dei pagamenti elettronici va perseguita abbattendo le commissioni e i costi a carico di consumatori e imprese. Gioverebbe anche potenziare lo strumento del credito d’imposta sulle commissioni pagate dall’esercente e prevedere la gratuità dei cosiddetti micropagamenti, perché nel caso di scontrini minimi come quelli di un caffè l’incidenza dei costi si mangerebbe tutti i profitti: a quel punto converrebbe offrirlo quel caffè. Puntare asimmetricamente sulle sanzioni non giova per niente ai processi di modernizzazione del sistema dei pagamenti. Non si possono far gravare i costi dell’innovazione sui soliti noti”.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.