Ethereum Classic si scrolla di dosso la polvere e schizza al 174%

Il retaggio del vecchio Ethereum trova nuova vita con l'avvicinarsi della fusione

Più informazioni su

È uno dei misteri del rally estivo. Ethereum Classic, il fork spesso trascurato degli albori di Ethereum, ha registrato un’impennata del 174% dal 13 luglio.

In realtà, la sua performance non è così misteriosa. La comunità di Ethereum Classic scommette che la fusione sarà una manna per il suo token assopito.

Jamyye, un operatore di mining pool di Ethereum Classic, ha dichiarato a The Defiant che The Merge porterà “una tonnellata di potenza di hash su ETC”.

Fusione a catena

Traduzione: I minatori stanno sostenendo Ethereum Classic in previsione dell’imminente chain-merge di Ethereum, che escluderà dalla rete i minatori di Proof of Work (PoW) a favore dei validatori di Proof of Stake (PoS).

Colin Wu, un giornalista cinese specializzato in criptovalute, ha recentemente stimato che The Merge farà sparire 5 miliardi di dollari di hardware per il mining basato su GPU e ASIC. La comunità di Ethereum Classic ritiene che una parte significativa di questa potenza di hashing sarà reindirizzata verso l’ETC.

I trader stanno già scommettendo che Ethereum Classic vincerà alla grande durante la fusione. Il suo token nativo ETC è raddoppiato rispetto a ETH nelle ultime due settimane e mezzo, e si consiglia il trading su Bitcode Prime per approfittarne.

“Questo cambierà drasticamente la difficoltà della rete, rendendo più difficile per i minatori guadagnare monete”, ha detto Jamyye. “L’ETC sarà la più grande blockchain di contratti intelligenti PoW, senza una fondazione centralizzata che la controlli”, ha continuato Jamyye.

La fusione unificherà il livello di consenso PoS di Ethereum – la catena Beacon “Eth2” – con il livello di esecuzione esistente – la mainnet PoW. L’aggiornamento migliorerà l’efficienza energetica di Ethereum di oltre il 99% e dovrebbe ridurre l’emissione di nuovi Ether del 90%.

Devoti irriducibili

Il cambiamento, previsto per settembre, pone le basi affinché Ethereum diventi molto più veloce nell’elaborazione delle transazioni e potrebbe significare che vengono distrutti più ETH attraverso le commissioni di transazione bruciate che non i nuovi rilasci ai validatori. Tuttavia, anche gli irriducibili devoti dell’approccio PoW vedono un’angolazione.

Setvin, un membro della comunità di Ethereum Classic, ha analizzato l’effetto hashing. “In questo momento, ci sono 900 [terahashes al secondo (th/s)] su ETH e 30 th/s su ETC”, ha detto Setvin a The Defiant. “Anche se solo il 10% passasse a questo sistema, si tratterebbe di un’impennata enorme… per coloro che apprezzano la sicurezza che l’effetto rete porta con sé, è una cosa importante”.

I grandi minatori di Ethereum stanno già cercando di supportare Ethereum Classic.

Pool di minatori

Il 28 luglio Innosilicon, un produttore di hardware per il mining, ha twittato che sta lavorando a un firmware che consenta di utilizzare i suoi ASIC Ethereum per il mining di Ethereum Classic.

Il 26 giugno AntPool, il pool di mining associato al principale produttore di hardware per il mining Bitmain, ha rivelato che l’azienda ha investito 10 milioni di dollari per sostenere l’ecosistema Ethereum Classic.

Lv Lei, amministratore delegato di AntPool, ha dichiarato che i fondi sono stati destinati ad attrarre sviluppatori nell’ecosistema, a incubare protocolli di punta su Ethereum Classic e a supportare le soluzioni di scalatura Layer 2. Parlando a un summit sul mining, ha aggiunto che l’azienda intende effettuare ulteriori investimenti a sostegno di Ethereum Classic in futuro.

Bob Summerwill, direttore esecutivo di ETCCooperative, un’organizzazione che fornisce sovvenzioni e finanziamenti all’ecosistema di Ethereum Classic, ha incontrato AntPool in occasione del recente summit sul mining. Ha dichiarato a The Defiant che sono in corso discussioni tra la comunità di Ethereum Classic e altre aziende che rappresentano il settore del mining.

“C’è un’enorme quantità di hardware per il mining su GPU che cercherà una nuova casa”, ha detto Summerwill. “E l’ETC è di gran lunga il più grande progetto di questo tipo per ricompense in blocchi dopo l’ETH. Le altre catene non hanno speranza di assorbire nemmeno una frazione del tasso di hash prima di diventare non redditizie”.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.