Le rubriche di Lucca in Diretta - in Regione

La tutela dei minori su internet affidata al sistema dei Corecom

Più informazioni su

“L’Agcom affida al sistema dei Corecom la tutela dei minori su internet. In altre parole, come Corecom, abbiamo la delega dell’Agcom per porre attenzione non solo sulle tivù locali ma anche sul mondo del web. Oggi tutelare i minori significa tutelarli soprattutto quando navigano in rete. Noi vogliamo informare senza fare allarmismi, evidenziare i rischi ma anche le opportunità del web, le luci e le ombre”.

Così si è espresso Sandro Vannini, presidente del Corecom Toscana, incontrando i giornalisti al termine dell’incontro che si è svolto questa mattina all’istituto tecnico e professionale Dagomari di Prato. All’incontro, cui hanno preso parte circa 150 tra ragazzi e ragazze, con Vannini era presente Elettra Pinzani, avvocato, esperta di privacy e minori.
Reati come il cyber-bullismo o l’adescamento in rete sono più frequenti di quanto si creda. Da qui la necessità di sensibilizzare gli studenti delle scuole secondarie di primo e secondo grado. In quest’ottica, grazie all’apporto delle università di Siena e di Pisa, è stato realizzato il vademecum distribuito fino ad oggi in oltre 1600 copie in molte scuole della Toscana. E da qui la decisione di dar vita a un centro di formazione permanente, il Centro nazionale internet e minori, che in sette mesi ha già formato oltre 140 insegnanti in qualità di “mediatore culturale” sul tema del rapporto tra internet e minori.
“Il nostro obiettivo è prendere un campione significativo in ogni realtà provinciale e testarlo – ha precisato Vannini – Ma l’aspetto significativo di questo nostro percorso è che questa progettualità è così cresciuta che a Firenze abbiamo costituto il Centro nazionale Internet e minori, in collaborazione con l’Istituto degli Innocenti, l’Agcom e il Coordinamento nazionale dei Corecom, per fare formazione a favore degli insegnanti di tutta Italia. Non basta informare, non basta la media education, ma è necessario anche formare”.
Il progetto Internet@minori@adulti, iniziato quasi tre anni fa a Grosseto, sta ormai avviandosi alla conclusione. Dopo quello odierno, altri due appuntamenti si svolgeranno a Prato nei prossimi giorni, sempre alla Dagomari, martedì (22 marzo) e successivamente in data da definirsi.
“Quella che abbiamo messo in atto è un’operazione bivalente. A valle interveniamo sui teenagres, a monte sugli insegnanti e sui genitori – ha concluso Vannini – Lo scopo è in ogni caso innalzare il livello qualitativo delle conoscenze delle problematiche tra internet e minori”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.