Le rubriche di Lucca in Diretta - in Regione

Donzelli (Fdi): “Uncem non pagava i contributi ad un dipendente”

“Negli anni fra il 2011 e il 2014 Uncem Toscana non ha corrisposto i contributi Inps ad un suo dipendente, indicando invece il versamento nella dichiarazione Cud consegnata al lavoratore che rappresenterebbe così una certificazione falsa. La Regione Toscana è corresponsabile dell’illecito penale, perché non ha verificato la regolarità contributiva come avrebbe dovuto fare a termini di legge attraverso il Durc, avendo erogato all’ente dal 2009 al 2015 ben 11 milioni di finanziamenti pubblici diretti”. E’ quanto denuncia il capogruppo di Fratelli d’Italia in Regione Toscana Giovanni Donzelli sulla base di ciò che dimostrerebbero i documenti Inps in possesso di un lavoratore venuto a conoscenza della irregolarità dopo che gli è stata negata l’indennità di disoccupazione motivata con il mancato pagamento dei contributi.

“Nel resoconto della posizione del dipendente l’Inps conferma che si tratta di un illecito penale commesso da Uncem – sottolinea Donzelli – chiediamo che la Magistratura faccia luce sulla vicenda e indaghi sulle posizioni contributive di tutti gli altri dipendenti. La Regione non ha vigilato su bilanci chiaramente irregolari, che ci sono stati sempre negati e che adesso pretendiamo di vedere”. “Non pagare i contributi Inps ai propri dipendenti è gravissimo, per di più lo è perché la Regione Toscana ha di fatto favorito questa pratica senza controllare – aggiunge Donzelli – si tratta dell’ennesimo caso di gestione allegra che denunciamo da parte di Uncem dopo il silenzio e la totale mancanza di trasparenza sulle centinaia di migliaia di euro di soldi pubblici spesi in rimborsi, viaggi e consulenze e i dipendenti stipendiati dall’ente montano nonostante lavorino in realtà per il Comune di Pescia. Il Partito democratico pensa di risolvere il problema mettendo la polvere sotto il tappeto facendo sparire Uncem Toscana e garantendo al suo presidente Oreste Giurlani un posto come vice-presidente di Anci. Questi giochi di prestigio non serviranno a fermare le conseguenze dei gravi illeciti che sono stati compiuti – conclude Donzelli – continueremo a vigilare e dare battaglia per sapere dove sono finiti i soldi dei cittadini”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.