Le rubriche di Lucca in Diretta - in Regione

Sanità, approvati gli indirizzi all’Agenzia regionale per il programma attività 2018

Approvata dall’aula una proposta di risoluzione, che contiene le indicazioni per l’approvazione di specifici indirizzi per l’elaborazione del programma di attività dell’Agenzia regionale di sanità (Ars). Come ha spiegato il presidente della commissione sanità, Stefano Scaramelli (Pd), illustrando l’atto in Consiglio, la risoluzione impegna la giunta a integrare la propria delibera con alcune linee di attività: il monitoraggio delle risorse professionali del Servizio sanitario regionale e della relativa transizione demografica in corso; i profili di salute dei comuni toscani in riferimento alle loro eventuali criticità ambientali, il supporto al progetto “Esperienze compartecipate e sistemi locali di salute mentale”; il monitoraggio e la valutazione della qualità del dato sanitario e dei flussi informativi. Scaramelli ha spiegato che sono state accolte le richieste provenienti da vari commissari, nell’ottica di arrivare a una proposta unanimemente condivisa. “Il ruolo dell’Ars – ha ricordato – è quello di fornire, con la sua autonomia e la sua terzietà, dati e studi in merito allo stato di salute dei cittadini toscani al fine di consentire alle forze politiche di esprimersi in modo oggettivo”.

Paolo Sarti (Sì-Toscana a Sinistra), ricordando la sua richiesta di avere un monitoraggio su alcune questioni, fra cui la salute mentale e la raccolta dei dati sanitari dei flussi informativi, ha criticato il fatto che “la giunta abbia scritto il programma senza attendere gli indirizzi del Consiglio, come previsto dalla legge 40”. Anche Andrea Quartini (M5S) si è lamentato “dei tempi stretti in cui il Consiglio è stato chiamato ad esprimersi, per porre rimedio a un atto fatto dalla giunta senza rispettare i termini previsti dalla legge. Dobbiamo riaffermare la sovranità del Consiglio”. Quartini ha posto poi l’accento su alcuni questioni da approfondire, come una valutazione sull’intensità di cura e una valutazione sull’impatto epidemiologico delle disabilità.
Enrico Sostegni (Pd) ha ricordato che l’Ars è “comunque a disposizione di tutti i consiglieri per effettuare approfondimenti quando richiesto” e che la delibera di Giunta in realtà specifica che l’allegato viene sottoposto alla valutazione del Consiglio regionale in vista dell’approvazione degli indirizzi.
Anche Paolo Bambagioni (Pd) ha sottolineato come l’Agenzia sia a disposizione di tutti i consiglieri, invitando comunque la Giunta “a dimostrare una maggiore sensibilità”, quando si tratta di prerogative del Consiglio.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.