Le rubriche di Lucca in Diretta - in Regione

Corecom, ok del consiglio regionale all’attività 2017

Più informazioni su

Il Consiglio regionale ha espresso apprezzamento per i risultati conseguiti dal Comitato regionale per le comunicazioni della Toscana nell’anno 2017 ed ha approvato la relazione annuale sulle attività proprie. Il Consiglio si impegna inoltre a costituire un gruppo di lavoro tra i rappresentanti del Corecom e dell’assemblea regionale, con l’obbiettivo di formulare in tempi ragionevoli una proposta di legge per rivedere la disciplina dell’organismo. Non solo. Attraverso l’Ufficio di presidenza l’assemblea si è assunta l’impegno di realizzare, d’intesa con il comitato, un rapporto sullo stato delle imprese di informazione toscane. La giunta regionale dovrà infine mettere in campo azioni di sostegno al sistema informativo toscano, alla sua qualificazione, al suo pluralismo.

E’ stato il presidente della commissione Affari istituzionali, Giacomo Bugliani (Pd), ad illustrare la risoluzione, soffermandosi in particolare sulle iniziative messe in campo dalla nuova presidenza: la selezione dei migliori spot contro il gioco d’azzardo; il convegno sulla comunicazione dell’emergenza e l’uso corretto dei social media da parte dei cittadini; il nuovo logo ed il riconoscimento al Comunicatore toscano dell’anno. La necessità di tenere conto  delle nuove tecnologie e degli attuali sistemi informativi è alla base della decisione di rivedere la legge istitutiva del Corercom, che risale al 2002, quando c’era ancora la televisione in bianco e nero.
Il presidente della commissione ha infine precisato che il Corecom nel 2017 aveva a disposizione risorse per 187 mila euro, che ha utilizzato per 164 mila euro, con un avanzo di 23 mila euro. L’avanzo si è determinato in particolare sul finanziamento per indennità di funzione e rimborsi spese, pari a 120 mila euro, di cui ne sono stati utilizzati solo 100 mila.
Il voto di astensione del gruppo M5S è stato annunciato da Gabriele Bianchi, esprimendo apprezzamento per il lavoro fatto.
E’ stato Francesco Gazzetti (Pd) ad illustrare l’ordine del giorno a sostegno delle imprese di informazione locale e alla realizzazione di un’analisi puntuale del settore per far emergere un quadro il più possibile esaustivo e dettagliato.
Marco Casucci ha dichiarato il voto di astensione del gruppo Lega Nord sulla risoluzione, dovuto essenzialmente al fatto che l’attività del nuovo organismo non ha segnato la necessaria inversione di tendenza rispetto al passato. Voto favorevole, invece, sull’ordine del giorno.
Anche Paolo Marcheschi (FdI) ha annunciato voto di astensione, preoccupato che le azioni dirette a sostegno dell’informazione locale non si trasformino in dipendenza.
Secondo Tommaso Fattori (Si-Toscana a sinistra) i finanziamenti alle imprese televisive dovrebbero essere vincolati al miglioramento della qualità del lavoro. Per lui voto di astensione sulla risoluzione e voto favorevole sull’ordine del giorno. Il voto di astensione di Forza Italia è stato annunciato da Maurizio Marchetti, che ha sottolineato la necessità di adeguare gli organici del Comitato.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.