Regione, disco verde per modifiche statutarie su economia circolare

Via libera alla proposta di legge che modifica, sul tema dell’economia circolare, lo Statuto della Regione Toscana. L’atto che vede prima firmataria la consigliera Monia Monni (Pd), questa mattina, mercoledì 30 maggio, ha ricevuto in commissione affari istituzionali, presieduta da Giacomo Bugliani (Pd) il voto favorevole del Pd e del Movimento 5 Stelle, l’astensione di Lega nord e Forza Italia. Per far sì che le politiche regionali attuino la transizione verso un modello economico circolare fondato sul principio di sviluppo sostenibile, nello Statuto regionale si introducono tra i principi generali la promozione delle “condizioni per uno sviluppo sostenibile per la soddisfazione dei bisogni della generazione presente e la salvaguardia della vita delle generazione future e la promozione dell’economia circolare, quale modello economico idoneo a rigenerarsi da solo, attraverso la valorizzazione degli scarti di consumo, l’estensione del ciclo vita dei prodotti, la condivisione delle risorse, l’impiego di materie prime seconde e l’uso di energia da fonti rinnovabili”.
A margine della commissione il presidente Bugliani ha spiegato che “con questa legge si vuol modificare lo statuto, la norma cioè che contiene i principi di carattere generale, i criteri ispiratori dell’azione di governo del territorio toscano e voler porre a livello statutario il principio dell’economia circolare è un atto fondamentale”. Bugliani ha precisato che “sensibilizzare ai temi dell’economia circolare, del reintegro e del riuso delle risorse è importante soprattutto in un momento in cui l’inquinamento dilaga e il tema dei rifiuti è particolarmente sentito, connesso al benessere sia dei cittadini individualmente intesi che come collettività”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.