Le rubriche di Lucca in Diretta - in Regione

Nevraglia del trigemino, sì a rinoscimento come malattia invalidante

La nevralgia del trigemino sia riconosciuta come malattia invalidante. La commissione sanità presieduta da Stefano Scaramelli (Pd) ha approvato con voto unanime la proposta di risoluzione che passa ora al definitivo esame del Consiglio regionale. Come preannunciato nella seduta del 5g settembre, quando la commissione ha tenuto audizioni con le associazioni di persone affette da tale disordine neuropatico, è stato definito un testo condiviso che ha ottenuto il voto favorevole anche dei gruppi di opposizione.

La risoluzione impegna la giunta regionale a “sollecitare e sensibilizzare, coinvolgendo l’Università e il Ministero della salute, appropriati approfondimenti scientifici e promuovendo la sperimentazione e la ricerca scientifica nell’ambito della patologia”; attivarsi nella conferenza Stato-Regioni “al fine di sostenere un percorso che conduca al riconoscimento della nevralgia del trigemino quale malattia invalidante”; sostenere l’attivazione “a livello regionale di un Pdta (percorso diagnostico terapeutico assistenziale, ndr) specifico”, con l’ausilio e il coinvolgimento degli organismi del Governo clinico; promuovere “percorsi formativi volti alla sensibilizzazione rispetto alla diagnosi della patologia e alla corretta gestione della malattia per alcune categorie di medici e di operatori”, tra i quali medici di famiglia, odontoiatri, neurologi e medici di medicina d’urgenza.
“La Toscana fa da apripista anche questa volta, si tratta di una malattia molto diffusa. Manteniamo così un impegno preso, nella convinzione che quando questa commissione riesce ad esprimere una posizione unanime di solito ottiene risultati concreti”, ha dichiarato il presidente Scaramelli al termine della votazione.
La nevralgia del trigemino è una patologia particolarmente invalidante che non ha però un riconoscimento ufficiale e non rientra nell’elenco di malattie croniche cui sono applicate esenzioni e percorsi di accompagnamento e affiancamento. In gergo viene chiamato ‘il mostro’: un dolore improvviso e lancinante, talmente acuto da compromettere il normale andamento di vita quotidiano e gli stessi rapporti sociali.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.