Le rubriche di Lucca in Diretta - in Regione

Disabilità e autismo, approvata la proposta di risoluzione per garantire una vita autodeterminata

Sanità: disabilità e autismo, approvata all’unanimità dalla commissione Sanità, presieduta da Stefano Scaramelli (Italia viva), la proposta di risoluzione che adesso passa all’aula. Il testo sollecita alla giunta regionale una serie di impegni per garantire a ciascuna persona con disabilità e autismo di avere una vita piena, autodeterminata e libera. È questo l’obiettivo della proposta.

“Si tratta di un testo molto avanzato, frutto di un approfondimento condotto da un gruppo di lavoro tecnico-politico che si è interfacciato con il mondo dell’associazionismo. Poter vivere una vita autonoma nell’ambito di un percorso di valorizzazione individuale è l’obiettivo della risoluzione che traccia un percorso utile a riconoscere alle persone con disabilità e autismo autonomia al pari di ogni altra persona”, ha dichiarato Scaramelli.
Ad illustrare il testo uscito dal gruppo di lavoro ristretto, di cui hanno fatto parte il vicepresidente della commissione Paolo Sarti (Sì-Toscana a sinistra), Serena Spinelli (gruppo Misto-Tpt) ed Enrico Sostegni (Pd), è stata la consigliera Spinelli: “abbiamo fotografato l’oggi – ha spiegato –, registrando un ritardo nell’applicazione delle norme regionali in materia di autonomia di vita. Perciò, nel predisporre il dispositivo finale, abbiamo provato a immaginare il domani”.
“Abbiamo tracciato gli elementi distintivi che caratterizzeranno gli interventi della Regione Toscana per i prossimi anni, per riconoscere che le abilità proprie di ogni persona possono e devono essere integrate nelle attività generali della società”, ha aggiunto Sostegni.
La parte narrativa della proposta di risoluzione dà atto alla Giunta di aver approcciato la questione in maniera corretta e, facendo tesoro dei suggerimenti venuti dalle associazioni, sottolinea la necessità di rimuovere gli ostacoli per giungere all’obiettivo di garantire il diritto a una vita autonoma alle persone con disabilità e autismo.
Articolato il dispositivo finale dell’atto di indirizzo con il quale si impegna la Giunta ad “avviare su tutto il territorio regionale la predisposizione dei progetti individuali per le persone con disabilità”, compreso l’autismo, “così come previsto dalla legge”, e ad “intervenire con le Asl e le articolazioni socio-sanitarie territoriali per la piena applicazione della delibera di Giunta n. 1449/2017”, relativamente al “percorso di attuazione del modello regionale di presa in carico della persona con disabilità”, presa in carico che prevede la definizione del progetto di vita e del budget salute. Quest’ultima indicazione serve a “dare il segno di un reale cambiamento culturale in merito al concetto di ‘progetto individuale di vita’ quale prodotto di un processo di diagnosi multidimensionale, valutazione e programmazione condivisa” che è necessario a promuovere “tutte le opportunità di formazione, abilitazione, apprendimento, partecipazione delle persone con disabilità e autismo”, in ogni fase della vita e in ogni situazione (dalla scuola all’età adulta). Solo attraverso questo percorso, infatti, si può “consentire loro di utilizzare pienamente le risorse culturali e sociali della comunità” e di inserirsi in processi lavorativi, accedere a soluzioni abitative inclusive e non “custodialistiche” e sostenere e potenziare la rete delle loro “relazioni personali e affettive” ed esprimere i loro “talenti, preferenze e desideri”.
Alla Giunta si chiede anche di impegnare i soggetti pubblici del sistema (Asl, Comuni, Società della salute) a concertare progetti di formazione e occupazione con le organizzazioni del terzo settore, le istituzioni scolastiche, agenzie formative, Università e categorie economiche; a promuovere e sostenere progetti abitativi inclusivi; a monitorare, con il supporto dell’Ars e del suo Osservatorio dell’Autismo, “la qualità e i risultati dei percorsi abilitativi, riabilitativi e terapeutici”, mantenendo un costante confronto con le associazioni e le famiglie.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.