Lavanderie industriali in crisi, Assosistema: “Per questo settore nessun aiuto”

Marco Marchetti: "Molte aziende oggi in cassa integrazione potrebbero non riaprire". Problema serio anche in provincia di Lucca

La produzione delle lavanderie industriali ridotta del 95 per cento con picchi in alcune regioni pari al 100 per cento dell’attività per l’intero indotto del turismo, il’90 per cento delle aziende del settore in cassa integrazione.

Questo l’allarme presente anche a Lucca e lanciato dal presidente di Assosistema Confindustria, Marco Marchetti, che avverte: “Molte aziende oggi in cassa integrazione potrebbero non riaprire, questa è la fotografia che mi sento di dare al governo e al Paese: 3mila sono solo gli stagionali che non saranno assunti quest’anno ma a rischio anche i cosiddetti tempi indeterminati se non interverranno provvedimenti seri e veloci su imprese e lavoratori”.

Mentre “gli imprenditori hanno fatto capire chiaramente che a rischio ci sono anche i pagamenti con F24 dei prossimi mesi – continua Marchetti – Non è concepibile che nonostante questa drammatica situazione, mentre per le altre aziende del turismo si prevedono aiuti anche sul semplice spostamento del versamento dei contributi, per il nostro settore non è stato previsto alcun aiuto”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.