Tpl, la Regione invita a conservare l’abbonamento di marzo

Ceccarelli: "La prospettiva su cui stiamo lavorando è quella di una proroga della validità dell’abbonamento"

Conservare l’abbonamento del mese di marzo, in attesa che vengano definite possibili misure compensative. Questa è l’indicazione che arriva dalla Regione Toscana a tutti gli abbonati del trasporto pubblico regionale, sia esso su ferro, gomma o via mare.

“Stiamo lavorando da tempo con la conferenza delle Regioni – spiega l’assessore Vincenzo Ceccarelli – per ottenere dal Governo le risorse necessarie a definire una forma di compensazione, a vantaggio di quegli utenti che, dopo aver pagato l’abbonamento ai servizi di trasporto pubblico per il mese di marzo non hanno poi potuto utilizzare il servizio a causa dei provvedimenti assunti dal Governo nella gestione dell’emergenza Coronavirus”.

“Mentre attendiamo dal Governo che vengano definiti a livello nazionale i provvedimenti attesi – conclude Ceccarelli – raccomando ancora a tutti gli abbonati toscani di conservare il loro titolo di viaggio. La prospettiva su cui stiamo lavorando è quella di una proroga della validità dell’abbonamento, ma modi e forme devono essere ancora definite definite”.

Per tutti gli utenti che hanno, invece, regolarmente utilizzato l’abbonamento di marzo, la scadenza resta quella normale.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.