Virus, mascherine anche a studenti fuori sede rimasti in Toscana

Le università forniranno l'elenco dei presenti ai Comuni che organizzeranno la distribuzione

Saranno garantite anche agli studenti universitari fuori sede le mascherine protettive che, in questi giorni, vengono consegnate nelle case di tutti i toscani e che dalla prossima settimana sarà obbligatorio indossare per ogni spostamento in esterni.

“Con l’Azienda per il diritto allo studio – afferma la vicepresidente Monica Barni – abbiamo deciso di chiedere ai Comuni di consegnare i dispositivi di protezione anche agli studenti presenti nelle residenze universitarie. E’ una misura importante a tutela dei giovani che sono rimasti in Toscana e che, come ho avuto più volte occasione di sottolineare, rapppresentano una ricchezza per la nostra società. Una ricchezza che, in un momento di emergenza sanitaria ed economica come quello che stiamo vivendo, deve essere preservata e sostenuta”.

Per quanto riguarda i fuorisede e i borsisti che sono rimasti in Toscana ma che non alloggiano nelle case dello studente, la vice presidente Barni ha sentito i rettori degli atenei toscani, condividendo con loro le modalità di individuazione degli studenti presenti.

“Le università – spiega Barni – una volta compilata la lista delle presenze, le forniranno ai Comuni, mentre l’Azienda per il diritto allo studio fornirà quella dei borsisti che abitano in alloggi privati. Saranno poi i Comuni ad organizzare, anche per loro, la distribuzione”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.