Urbanistica, ok dalla Regione alla proroga dei termini. Passa l’odg sulla semplificazione

Prorogati di un anno i termini di efficacia dei piani operativi e dei regolamenti urbanistici in scadenza

È stata approvata dal consiglio regionale la “proroga dei termini con riferimento agli strumenti di pianificazione territoriale e urbanistica per il contenimento degli effetti negativi dovuti all’emergenza sanitaria Covid 19″ e un ordine del giorno collegato che chiede alla giunta di istituire un tavolo tecnico per la semplificazione dei procedimenti amministrativi. 

Saranno prorogati di un anno – dichiara Stefano Baccelli, consigliere regionale Pd e presidente della commissione territorio e ambiente a  margine dell’approvazione – i termini di efficacia dei piani operativi e dei regolamenti urbanistici in scadenza nel periodo compreso tra il 23 febbraio 2020 ed il 31 luglio 2020; di sei mesi, invece, i termini dei procedimenti di formazione degli strumenti di pianificazione territoriale e urbanistica già in corso al momento della data di entrata in vigore della legge regionale di cui trattasi oppure avviati entro il 31 luglio 2020″.

“L’obiettivo – spiega Baccelli – è quello di consentire agli enti locali e a tutti i soggetti coinvolti in materia di governo del territorio di recuperare la sospensione che tali provvedimenti hanno avuto dallo stato di emergenza sanitaria dovuta al diffondersi della patologia del Covid-19. Un provvedimento di buonsenso che abbiamo avuto premura di rendere operativo quanto prima per consentire agli enti locali e a tutti i soggetti coinvolti di avere un anno in più per presentare la propria pianificazione del territorio; un tempo che di fatto comprende le sospensioni procedimentali stabilite dallo Stato e dovute alle misure di contrasto all’epidemia da Covid e che consente di andare incontro alle esigenze di semplificazione degli enti locali e dei soggetti coinvolti”.

“Collegata a questa legge – dice ancora – abbiamo presentato e approvato un irdine del giorno frutto di un lavoro di ascolto e confronto con molti dei soggetti del settore, associazioni di categoria, sindacati – come Anci, Ance, Rete delle professioni – che ci hanno sottoposto molte proposte: i temi ricorrenti riguardano la celerità e la semplificazione dei provvedimenti amministrativi tutti, in particolare in materia di governo del territorio, del settore dell’edilizia e degli appalti pubblici. Abbiamo inteso di istituire di concerto con la Giunta regionale un tavolo tecnico di lavoro che, a partire dalle proposte raccolte nel corso delle audizioni, possa definire atti legislativi in grado di semplificare i settori coinvolti”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.